Le iniziative dell'istituto per la famiglia

11/feb/2007 22.00.00 I.P.F. Istituto per la Famiglia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Le iniziative dell'istituto per la famiglia
L'Ipf punta tutto
sui
nostri giovani


L'istituto per la famiglia (Ipf) punta sui giovani e
lo fa con il progetto Servizio civile nazionale - sistema integrato.
Una mission istituzionale per quel futuro migliore, solidale e
tollerante, scandito da sani principi cristiani, indispensabili per la
nuova generazione che, quotidianamente, si scontra con la dura realtà
occupazionale. In una società dove oramai nulla è più scontato, l'ente
culturale Ipf, attivamente impegnato nel sociale e nella diffusione dei
principi cristiani citati nel vangelo di Matteo (capitolo 25), si
affianca ai giovani e ai più bisognosi con progetti e operazioni di
sostegno altamente qualificate. Caratterizzato da 2019 volontari
iscritti e 168 sezioni zonali costituite, di cui 71 particolarmente
attive in tutto il territorio nazionale, la sezione reggina da 12 anni,
opera sul territorio locale nella base operativa di Gallico, dove nei
giorni scorsi, si sono riuniti i volontari e i presidenti dell'Ipf
delle varie sezioni d'Italia per confrontarsi e tirare le somme di "un
anno impegnativo ma ricco di soddisfazioni". Ricordiamo infatti, che
nel mese di ottobre, l'associazione ha raggiunto l'ambito traguardo
dell'iscrizione all'albo nazionale presso la presidenza del Consiglio
dei ministri, degli Enti di servizio civile di prima classe, un
riconoscimento che pone l'Ipf tra le trenta organizzazioni più
importanti d'Italia. Una presenza attiva su tutto il territorio
nazionale che, oltre alla selezione dei volontari, si occupa della
formazione degli Olp (operatori locali di progetto) impegnati in un
sistema integrato che dal servizio civile giunge al lavoro. E tra le
novità lanciate dall'istituto per la famiglia vi è la formulazione di
un progetto occupazionale, presentato ai comuni calabresi (al quale
hanno già aderito i comuni di Villa San Giovanni, Motta e Siderno) che
ha come obiettivo la stabilizzazione dei giovani volontari nel mondo
del lavoro. I volontari, destinati nelle varie amministrazioni
comunali, saranno selezionati e tutorati dall'ente stesso mediante gli
operatori locali del progetto per poi a fine corso, essere inseriti in
cooperative sociali. Così oltre l'anno di servizio civile si aprirà per
i giovani dei vari comuni - spiega il presidente dell'Ipf Amadeo - una
valida prospettiva di lavoro che utilizzerà la formazione fatta e
l'esperienza maturata nel volontariato".


Grazia Candido


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl