245 gradini vietano ai disabili di pregare nelle Chiese di NA

Questo il primo dato preoccupante del monitoraggio del Fiaba (Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche)-Acusp (Associazione Contribuenti Utenti Servizi Pubblici) contro le barriere architettoniche, effettuato stamattina solo in 13 chiese nel centro antico.

03/mar/2007 16.30.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa del 3/Marzo/2007
245 gradini vietano ai disabili di pregare nelle chiese del centro antico di
Napoli. Questo il primo dato preoccupante del monitoraggio del Fiaba (Fondo
Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche)-Acusp (Associazione
Contribuenti Utenti Servizi Pubblici) contro le barriere architettoniche,
effettuato stamattina solo in 13 chiese nel centro antico. Precisamente:
a)4 gradini all'ingresso della Chiesa Pietà dei Turchini, via Medina n.19,
b)3 gradini all'ingresso della chiesa S.Diego dell'Ospedaletto - via
Medina, n.1, c)4 gradini all'ingresso della chiesa del Gesù Nuovo, d) 3
davanti a Santa Chiara, e)3 gradini davanti alla chiesa di S. Domenico
Soriano a piazza Dante, f) 5 gradini davanti alla chiesa dello Spirito
Santo, g)7 scalini davanti ai tre ingressi della Chiesa di San Nicola alla
Carità, per un totale di 21 gradini, h)3 gradini davanti alla Parrocchia S.
Liborio alla Carità, i) 5 gradini davanti alla Chiesa Santa Maria delle
Grazie a Toledo, l)6 gradini davanti alla Parrocchia di S. Brigida, m)ben 7
gradini davanti alla Chiesa S. Ferdinando, n)davanti a San Francesco di
Paola in piazza del Plebiscito: 8 scalini lato piazza Carolina, 11 lato
Prefettura, 11 interno piazza del Plebiscito, 11 gradini che portano al bar
sotti i portici, 11 pure davanti all'Ufficio Informazioni Città di napoli e
libreria Treves, 15 addirittura all'ingresso centrale. Altrettanti scalini
laterali lato Comando Regione Militare Sud, o) 40 scalini per salire e
arrivare nella Chiesa Santa Maria La Nova.
In merito, è stato già chiesto un'audizione al Sindaco Iervolino, Assessori
del Comune di Napoli: Giulio Riccio, Dolores Madaro e Felice Laudadio e al
presidente della Commissione Consiliare Politiche sociali Francesco
Moxedano.
Audizione chiesta pure all'Assessore Valente, perchè il turismo-culturale
accessibile merita molta più attenzione.
I dati del sondaggio (che sarà esteso a tutta la Città ed inoltrato alle 10
Municipalità perchè in ognuna di essa venga istituita un Consulta ad
hoc)verranno comunicati, inoltre, al Ministero dei Beni e Attività
Culturali, al Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe. Fiaba-Acusp ha già
avviato la Campagna di sensibilizzazione "Uno scivolo per le Chiese
napoletane", indirizzata, tra gli altri, agli Enti Pubblici e Privati che
hanno sottoscritto, come ha fatto il Comune di Napoli nel 2003, un
protocollo d'intesa con il Fiaba per l'abbattimento delle barriere
architettoniche. Tra questi: le Aziende di Pubblica Utilità locali. Ad
esempio, Consorzio Unico Campania, Anm, MetroCampanianordest,Metronapoli,
Sepsa, Ctp, Circumvesuviana,Metropolitana di Napoli. Ed il Crui (Conferenza
dei Rettori delle Università italiane), Upi (Unione Province Italiane),
Anaci, Uppi, ecc. Adesione e sostegno anche dal presidente dell'Associazione
Costruttori Edili Napoletani (Acen).
L'Acusp si è incontrata già con l'Assessore Dolores Madaro perchè anche i
cimiteri siano accessibili ai cittadini diversamente abili, obesi, persone
momentaneamente infortunate, genitori con passeggini, anziani.
Il Presidente dell'Acusp e Responsabile del Fiaba per la Campania
Dott Alfredo Capasso
3398697687



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl