ARCIGAY RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DELL'IMAM DI PERUGIA

ARCIGAY RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DELL'IMAM DI PERUGIA Comunicato Stampa - Perugia, 07/07/2005 ARCIGAY RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DELL'IMAM DI PERUGIA Mentre a Manchester, l'imam della principale moschea della città, Arshad Misbahi, illustra a uno psicoterapeuta il suo modello di società multiculturale, nella quale è perfettamente giustificabile la condanna a morte degli omosessuali, in quanto prevista dai precetti dell'islam, in Italia, nella nostra Perugia, l'imam di turno si limita a dichiarare la sua contrarietà al riconoscimento dei diritti fondamentali delle persone e delle coppie omosessuali, che in tutti gli altri paesi civili d'Europa e del mondo sono già riconosciuti.

Allegati

05/apr/2007 15.10.00 Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa - Perugia, 07/07/2005

ARCIGAY RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DELL’IMAM DI PERUGIA

Mentre a Manchester, l'imam della principale moschea della città, Arshad
Misbahi, illustra a uno psicoterapeuta il suo modello di società
multiculturale, nella quale è perfettamente giustificabile la condanna a
morte degli omosessuali, in quanto prevista dai precetti dell'islam, in
Italia, nella nostra Perugia, l’imam di turno si limita a dichiarare la sua
contrarietà al riconoscimento dei diritti fondamentali delle persone e delle
coppie omosessuali, che in tutti gli altri paesi civili d’Europa e del mondo
sono già riconosciuti.

Possiamo ritenerci fortunati, ma le dichiarazioni dell’imam di Perugia Abu
Sumaya sulla contrarietà al progetto di legge sul riconoscimento delle
coppie di fatto omosessuali, suonano come una minestra ribollita. Il
continuo richiamo alla “società naturale” e alla “famiglia naturale”, sono
argomenti già sentiti e per di più privi di fondamento. L’organizzazione che
si è voluto dare alla società ed ai rapporti affettivi non ha nulla di
naturale, proprio perché concepita dall’uomo e diversa nel tempo, nei luoghi
e nelle culture.

Assistiamo sgomenti ad una vera e propria crociata contro i diritti delle
persone omosessuali, che riesce ad unire le gerarchie cattoliche e quelle
dell’islam, ma ci chiediamo come possono vescovi e imam insegnarci che cosa
è la “famiglia naturale”, quando loro stessi non hanno una famiglia o la
loro religione ammette tipi di famiglia completamente diversi, come la
monogamia per la religione cattolica e la poligamia per l’islam.

Piuttosto, l’imam ci dica se è d’accordo con le persecuzioni e le
impiccagioni di ragazze e ragazzi omosessuali, che in molti paesi islamici
vengono eseguite regolarmente. Ci dica se è questa la “società naturale” a
cui allude, una società che uccide i suoi simili in nome di precetti
religiosi millenari.

La manifestazione del Family Day, a giudicare dai partecipanti e dalle loro
dichiarazioni, sta assumendo sempre più l’aspetto di una giornata a favore
dell’omofobia e contro i diritti delle persone e delle coppie omosessuali.
L’Omphalos risponderà il 17 maggio, giornata mondiale contro l’omofobia, con
un convegno a Perugia al quale saranno invitati a partecipare anche
l’Arcivescovo di Perugia Mons. Chiaretti e l’Imam di Perugia Abu Sumaya, per
spiegare a tutti i partecipanti se ed in che modo le loro religioni si
battono contro le discriminazioni e le violenze omofobiche.

OMPHALOS Arcigay Arcilesbica Perugia
uff.stampa@omphalospg.it - cel. 3398508056
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl