Capri è di tutti (per Regione e Provincia) e Ischia, Procida?

Basta ricordare che a Pozzuoli commercianti, associazioni degli autotrasportatori protestano in piazza contro il ticket imposto dal Commissario straordinario a carico di chi si imbarca con l'autoveicolo per Procida ed Ischia e per i cittadini che devono arrivare nel centro di Pozzuoli.

06/apr/2007 13.49.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lo slogan del presidente di Federalberghi di Capri Gargiulo "Programmare,
non improvvisare" è sempre più vincente. Come è sempre più fondamentale la
Consulta degli utenti delle vie del mare e dei porti, proposta dall'Acusp,
per un Patto per il turismo sancito tra tutti i soggetti interessati, gli
addetti ai lavori e le istituzioni.
Specialmente, dopo le dichiarazioni degli assessori Di Lello e Martano per i
quali solo "Capri è di tutti". E le altre Isole del Golfo, i Comuni della
Campania a vocazione turistica dove regna il caos e si tengono
manifestazioni di protesta? Basta ricordare che a Pozzuoli commercianti,
associazioni degli autotrasportatori protestano in piazza contro il ticket
imposto dal Commissario straordinario a carico di chi si imbarca con
l'autoveicolo per Procida ed Ischia e per i cittadini che devono arrivare
nel centro di Pozzuoli. L'Acusp alla pari dell'Autmare, presieduta da
Nicola Lamonica, da sempre dice No al ticket-a carico dei turisti.
E non finisce qui. La dichiarazione del Presidente della Fiavet Ettore
Cucari "stravolgere il piano trasporti ora non è possibile non solo perchè
gli orari erano stati già concordati nelle sedi competenti, ma anche per non
vanificare il lavoro di promozione fatto dalla Regione in campo
internazionale", per l'Acusp apre una significativa riflessione sulla
politica dei due tempi per il turismo in Campania: incontri tra le realtà
locali per definire gli orari d'obbligo di servizio pubblico per il
trasporto marittimo, e nuovi orari di promozione decisi unilaterlamente
dalla Regione in campo internazionale senza concordarli con i Sindaci delle
Isole del Golfo, come denunciano i primi cittadini di Capri ed Anacapri che
attendono ancora di essere ricevuti dal Prefetto. Mentre Giuseppe Rosato,
coordinatore AcuspMare, ricorda che nonostante l'intervento effettuato dal
Consigliere Pasquale Sabia, delegato del Comune di Procida, gli orari della
SNAV sulla tratta Napoli-Procida-Ischia sono stati variati, in maniera
peggiorativa. Un solo esempio, ma molto significativo. "l'ultima corsa da
Napoli per Procida, finora alle 18:45, anticipata inspiegabilmente alle
18:35. Comunque,anche questa corsa partirà in ritardo (di fatto alle 18,45)
e non comprendiamo perchè è stata anticipata una partenza di rientro verso
le isole a fine giornata".
"Ancora una volta - denuncia Giuseppe Rosato - è stato varato un quadro
orario impossibile da rispettare. E' sempre più urgente che gli Utenti siano
consultati e partecipino alla definizione delle linee guida degli orari,
cosa che invece la Regione continua ad ignorare; in merito l'Acusp chiede
l'intervento dell'ingegnere Domenico Mazzamurro, direttore dell'Acam
(Agenzia campana per la Mobilità Sostenibile". Ciliegina sulla torta,
amarissima, aumento dei biglietti per il trasporto marittimo verso le isole
minori a carico dei soli turisti...
Il Presidente dell'Acusp
dott Alfredo Capasso
3398697687




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl