STAMPA - BANCA MONDIALE: MAGGIORE COERENZA PER FAVORE!

Alla luce del recente scandalo che ha colpito la Banca Mondiale per il caso della promozione concessa dal presidente Paul Wolfowitz alla compagna Shaha Riza, non possiamo che chiedere maggiore coerenza a chi opera nelle istituzioni, e soprattutto in quelle che si occupano di sviluppo.

20/apr/2007 15.20.00 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

BANCA MONDIALE: MAGGIORE COERENZA PER FAVORE!

 

 Roma, 20 aprile 2007. Alla luce del recente scandalo che ha colpito la Banca Mondiale per il caso della promozione concessa dal presidente Paul Wolfowitz alla compagna Shaha Riza, non possiamo che chiedere maggiore coerenza a chi opera nelle istituzioni, e soprattutto in quelle che si occupano di sviluppo.

 

Sergio Marelli, Direttore Generale di Volontari nel mondo - FOCSIV, dichiara: " Da anni è in corso una tendenza nei paesi occidentali a valutare sempre più accuratamente le modalità di impiego degli aiuti nei paesi poveri, al loro utilizzo e soprattutto unendoli ad una forte lotta alla corruzione e al nepotismo specie in alcuni paesi africani, imponendo a volte delle condizionalità che danneggiano questi paesi invece che facilitarli.

 La lotta alla corruzione è diventato un cavallo di battaglia da parte della Banca Mondiale, soprattutto dall'inizio della  presidenza di Paul Wolfowitz”. 

“Da parte nostra - afferma Marelli - io ho sempre sostenuto che se c'è corruzione è perchè questa pratica è largamente diffusa non solo nei paesi poveri, e là dove si verifica c'è sempre un corrotto e un corruttore, i paesi del Sud del mondo non si corrompono da soli".

 

Sembra veramente assurdo che proprio chi ha cavalcato questa crociata ora sia sulle prime pagine dei giornali per aver commesso esattamente quello che dice di voler combattere:    "E' assurdo che il Presidente di una prestigiosa istituzione finanziaria internazionale sia stato sorpreso ad abusare del suo ruolo e potere quando in giro per il mondo si fa paladino della lotta ai favoritismi, alle pressioni e al malcostume della classe politica. Il Board di Banca Mondiale deve trarre conseguenze coerenti al più presto per dare un segnale inequivocabile affinché la lotta alla corruzione, che resta uno dei mali peggiori per i paesi del sud del mondo sia un'azione veritieria e credibile e non l'ennesimo escamotage per mascherare il disimpegno nell'erogazione degli aiuti da parte dei paesi ricchi o peggio ancora della strumentalizzazioni degli aiuti per altri interessi e politiche di ingerenza".

 

Per questo abbiamo accolto con favore l'invito a sottoscrivere la lettera proposta dalla rete EURODAD per richiamare i Governi, e soprattutto quelli europei, a "prendere le misure necessarie per porre termine a questo scandalo e far riacquistare al sistema multilaterale credibilità sulla base dei principi fondanti di trasparenza e responsabilità".

 

Nella lettera si legge come già nel 2005 le ONG avevano mostrato preoccupazione per la nomina di  Paul Wolfowitz a presidente della Banca Mondiale, e questo scandalo avvalora le perplessità sulla persona e sul  modo di gestione della Banca e delle decisioni di spesa assunte da questa presidenza. 

Sosteniamo quindi con forza la richiesta di dimissioni di Paul Wolfowitz e l'istituzione di un processo trasparente per la nomina del suo successore. Sollecitiamo inoltre l'Unione Europea ad assumere una posizione chiara e determinata e a interrompere il suo silenzio in questo momento cruciale per il futuro dell'istituzione principale per il finanziamento dello sviluppo dei paesi poveri.

 

La lettera verrà inviata ai Ministri degli Esteri dei paesi europei nei prossimi giorni.

 

Paola Amicucci
 
Ufficio Stampa Volontari nel mondo - FOCSIV
Tel. 066877796, 066877867- Fax 06 6872373
Cell. 328.0003609
E-mail:
ufficiostampa@focsiv.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl