STAMPA: 50 MILIONI DI EURO TAGLIATI ALLA COOPERAZIONE DAL GOVERNO PRODI

24/apr/2007 16.10.00 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                              COMUNICATO STAMPA

 

50 milioni di Euro tagliati dal Governo Prodi

alla Cooperazione Internazionale

 

Roma, 24 aprile 2007. In questi giorni alla Camera si sta discutendo la conversione in legge del Decreto Legge n. 23 recante misure urgenti per il “ripiano dei disavanzi pregressi del settore sanitario” approvato nel Consiglio dei Ministri lo scorso 20 marzo per la copertura dei costi previsti da questo disegno di legge si propone il taglio di 50 milioni di euro dal fondo della cooperazione internazionale.

 

"Ci risiamo, cambiano i Governi e le maggioranze ma la musica resta la stessa: al contrario di Robin Hood anche oggi si rischia di togliere ai poveri per dare ai poveri. E’ora di finirla con le guerre tra poveri: le risorse ci sono sia nei bilanci pubblici sia nei cospicui redditi di alcuni italiani. Oggi ci sono manager di aziende pubbliche che guadagnano in due giorni quanto un operaio in un anno: si inizi a prelevare da questi ricchi cassetti i soldi necessari a garantire servizi efficienti a tutti i cittadini". La dichiarazione di Sergio Marelli, presidente dell’Associazione ONG Italiane che rappresenta circa 160 organizzazioni di cooperazione internazionale e di aiuto umanitario.

 

Il Ministro degli Affari Esteri Massimo D’Alema ha indirizzato una lettera scritta al Ministro Padoa Schioppa letta nella Commissione congiunta Bilancio - Affari Sociali con la quale esprime "forti perplessità", lamentando la mancata consultazione del Ministero degli Esteri sulla decisione del taglio e denuncia come con questo eventuale provvedimento si metta a repentaglio la credibilità internazionale del nostro Paese.

 

Diversi senatori della maggioranza in Commissione (Zanella dei Verdi; Marchi e Leddi Maiola dell’Ulivo; Caruso RC) hanno obiettato circa questa modalità di copertura delle spese derivanti. I tagli prospettati inciderebbero di circa il 10% della cifra fin qui stanziata, andando probabilmente a colpire proprio i progetti e le iniziative delle Organizzazioni Non Governative (ONG) Italiane.

 

"La politica di cooperazione e la politica estera sono di competenza del Ministero degli Esteri. Continua Marelli -  iniziamo a dubitare che l’averci dato una Vice Ministra per la Cooperazione sia stato un contentino di facciata visto che poi La si priva delle risorse minime per poter lavorare. Il governo utilizza lo stesso metodo del governo Berlusconi: tagliare ad ogni minima esigenza dai fondi della cooperazione internazionale, anche se in campagna elettorale gli aiuti ai paesi poveri erano stai assunti tra le priorità.

Siamo all’ultimo posto della graduatoria OCSE, zimbello dell’Europa, ormai scredidati negli organismi internazionali. Con che faccia il Presidente del Consilgio Romano Prodi si presenterà al prossimo G8 a Berlino e ai prossimi appuntamenti internazionali? Senza il versamento del contributo al Fondo Globale per la lotta all’AIDS, verso cui siamo ancora debitori; ora anche con 50 milioni in meno dai già miseri fondi per gli aiuti ai Paesi in Via di Sviluppo”.

Il Governo si vanta di avere un tesoretto, si utilizzino quei fondi sia per il risanamento della spesa sanitaria, sia per incrementare i fondi della cooperazione”.

 

Paola Amicucci

Ufficio Stampa Associazione ONG Italiane

email: ufficio.stampa@ong.it
Tel: 06 6832061 - 328.0003609; Fax: 06 6872373

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl