SCIENTOLOGY VINCE IN BELGIO

SCIENTOLOGY VINCE IN BELGIO.

Persone Eric Roux
Luoghi Australia, Belgio, Los Angeles, Bruxelles, Regno Unito
Organizzazioni Cassazione, Camera dei deputati, Scientology
Argomenti diritto, diritto penale

17/mar/2016 13.44.42 Alessandro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La sentenza, accolta con entusiasmo da tutti gli scientologist europei, mette fine a 18 anni di discriminazione

 

            La Chiesa di Scientology del Belgio e tutti gli scientologist accolgono con entusiasmo lodierna decisione emessa dalla 69ma Camera del Tribunale Penale di Bruxelles.

 

            La sentenza ha riconosciuto i diritti fondamentali della chiesa e dei suoi fedeli, respingendo le accuse come infondate. Questa decisione, che mette fine a 18 anni di discriminazione religiosa, è un grande sollievo per gli scientologist che sono stati ingiustamente perseguiti. La giustizia e lo stato di diritto hanno prevalso in Belgio.

 

            Il tribunale penale è giunto alle stesse conclusioni della Corte Suprema di Cassazione italiana e delle Corti Supreme del Regno Unito e Australia, oltre a quelle dei tribunali di molti altri paesi, secondo le quali Scientology non dovrebbe essere trattata diversamente da tutte le altre religioni. In conformità al diritto belga, e a quello internazionale, cause intentate sulla base del credo degli scientologist devono quindi essere dichiarate inammissibili.

 

            Il portavoce della Chiesa di Scientology in Belgio, il signor Eric Roux, ha detto: È un giudizio equo, un sollievo per gli scientologist ingiustamente perseguiti per quasi 20 anni. Il Tribunale ha riconosciuto che la parzialità degli inquirenti e i palesi pregiudizi durante tutta l'indagine nei confronti di una religione che non hanno capito, sono stati l’origine di un'irreparabile violazione dei diritti degli scientologist coinvolti e della Chiesa di Scientology del Belgio.  Ha anche riconosciuto che non esisteva alcuna prova a sostegno delle asserzioni del pubblico ministero in merito a presunti reati. Basti dire che è stata un’azione profondamente ingiusta verso gli scientologist, basata sulle loro credenze e non sui fatti, il che è naturalmente inaccettabile in uno stato di diritto come il Belgio.

 

           Scientology, la cui prima chiesa è stata fondata da alcuni fedeli a Los Angeles nel 1954, conta ora oltre 11000 chiese, missioni e  gruppi in 167 nazioni del mondo. In Belgio è stata fondata nel 1974 dove è attiva con campagne di utilità sociale contro l’uso di droga, per promuovere il rispetto dei diritti umani e per il ripristino dei valori morali.

                                               

                                                                                                                        Ufficio Affari Pubblici

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl