LIGNANI MARCHESANI (AN) E IL GAY PRIDE RUSSO: UN'ALTRA OCCASIONE MANCATA. LA SUA.

LIGNANI MARCHESANI (AN) E IL GAY PRIDE RUSSO: UN'ALTRA OCCASIONE MANCATA.

28/mag/2007 10.00.00 Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa congiunto - Perugia, 28/05/2007

OMPHALOS ARCIGAY ARCILESBICA PERUGIA
CENTRO DI INIZIATIVA RADICALE DI PERUGIA CIRCOLO RADICALE ERNESTO ROSSI DI
TERNI


LIGNANI MARCHESANI (AN) E IL GAY PRIDE RUSSO: UN’ALTRA OCCASIONE MANCATA. LA
SUA.

Quando capitano fatti di estrema violenza, abbiamo la sensazione che tutti
abbiano il dovere di fermarsi e di riflettere traendo autonomamente le
proprie conclusioni. In questi casi siamo anche sicuri che ogni riflessione
abbia un proprio diritto di cittadinanza a condizione con questo di non
aggiungere violenza alla violenza. Siamo sicuri che il consigliere regionale
Andrea Lignani Marchesani, di Alleanza nazionale, sappia che democrazia
significa che una maggioranza di persone elette a suffragio universale ha il
dovere di scegliere per il bene di tutti i cittadini, senza dimenticare le
minoranze. Democrazia è proprio questo, caro consigliere, è proprio l'onere
si essere stato eletto a maggioranza e l'onore di servire tutti i cittadini.
Se riusciamo a dirci che questa cosa è chiara e condivisa, forse possiamo
pensare al Gay Pride moscovita.
Ci sembra che per la destra italiana, la Russia di Putin abbia colori e
valenze diverse a seconda degli opportunismi politici nostrani. Certi giorni
il presidente Vladimir Putin è un capo di Stato solido e democratico che ha
permesso alla Russia di rimanere nel giro delle democrazie più forti e
ricche del mondo; certi altri giorni è solo una potenza che annaspa
infangandosi nel pantano dei diritti umani.
E' lei, Lignani Marchesani, che usa questi argomenti. E' lei a dire che la
Russia cerca a fatica di inserirsi “in un ambito di valori tradizionali
forti” e a concludere che questo, in sé, giustifica gli arresti e le
bastonate a testa bassa offerte generosamente da gruppi di idioti
organizzati.
Caro consigliere, la questione è seria e il suo pensiero particolarmente
preoccupante. Gruppi di fanatici religiosi cristiano-ortodossi e di naziskin
hanno aggredito i manifestanti del Gay Pride a Mosca. Non si è trattato di
“qualche piccola spinta o scalfittura o qualche parola un po' pesante”. No,
caro consigliere... non mi dica che ha letto distrattamente le cronache
degli avvenimenti, per favore. Violenza gratuita è quella che si è consumata
a Mosca. Calci, pugni, insulti e manganellate, qualche ricovero e alcuni
arresti. Il problema, come spero che lei sappia, non era e non è mai stato
la presenza di Vladimir Luxuria o di Marco Cappato bensì quel corteo
preciso.
Una volta di più forse le sfugge che l'anno scorso, nella stessa occasione,
non aveva sfilato Vladimir Luxuria e nessun travestito, transessuale o
transgender, eppure gli eventi a Mosca si realizzarono pressapoco nella
stessa maniera.
Ma come... nella Russia del G8?
Nella Russia democratica che in Cecenia non ha violato nessun diritto umano?
Nella Russia della ripresa economica post comunista?
Il suo funambolico tentativo di dimostrare che alle vittime di quel
pestaggio non va espressa solidarietà non ci sorprende, in fondo in Umbria
la conosciamo da tanto tempo e le sue posizioni ci sembrano cristalline come
l'acqua. E questo va da sé. Quello che davvero ci allarma è invece il
tentativo di giustificare i camerati bastonatori che si sono agitati dentro
e fuori da quel corteo. Sappiamo bene che le radici del suo partito
affondano nel Movimento sociale italiano il quale a sua volta si ispirava ai
valori di quel partito fascista che non può che ricordare pagine penose di
una Storia per fortuna ormai superata. Però, Lignani Marchesani, forse lei
dimentica il congresso di Fiuggi dal quale nacque il suo partito di oggi.
Su, anche voi avete fatto lo sforzo di diventare un partito moderno. Il
pensiero fascista dovrebbe essere ormai morto e sepolto, coraggio! Non ha
bisogno di difendere le teste rasate e vuote di Mosca... non le serve,
davvero!
Anche se dovremmo non dimenticare che, dopotutto, lei è quello che farnetica
di una “potentissima lobby transgender umbra” a significare che davanti a
quello che non le piace riesce addirittura a vedere dei fantasmi. E questo
potrà anche essere un problema personale che gestirà lei come crede però un
uomo politico non può giustificare la violenza contro manifestanti inerti
che sfilano nella capitale di uno Stato che si propone come moderno e
democratico. Quella violenza è inaccettabile nel modo più assoluto. Non
faccia un'autorete, Lignani Marechesani! Stigmatizzi la violenza di quei
fascistelli moscoviti e poi se vuole faccia i suoi distinguo: dica pure che
Vladimir Luxuria e Marco Cappato si sono consapevolmente sovraesposti al
rischio di un pestaggio, dica pure che il movimento omosessuale la
infastidisce, dica pure che lei non ci sarebbe mai andato a manifestare
laggiù ma riconosca che davanti alla violenza che Luxuria, Cappato e gli
altri manifestanti hanno subito, non si può che esprimere solidarietà.
Oppure, quando riferisce che “la violenza non ha mai giustificazione” ci
sta raccontando una favola. Ma forse dimentica che gli umbri, gli italiani e
anche i suoi compagni di partito, probabilmente, alle favole non ci credono
più da un pezzo.

Omphalos Arcigay Arcilesbica Perugia
Centro di Iniziativa Radicale di Perugia Circolo Radicale Ernesto Rossi di
Terni


UFFICIO STAMPA OMPHALOS: TEL. 339 8508056 - FAX 0757823220 -
uff.stampa@omphalospg.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl