udienza TAR del 31 maggio accolta la richiesta di trattazione congiunta dei ricorsi

31/mag/2007 10.01.00 Comitato bolognese Scuola e Costituzione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comitato bolognese Scuola Costituzione, Comunità ebraica, Chiesa evangelica metodista, Chiesa cristiana avventista.

Comunicato stampa

Il TAR Emilia Romagna ha discusso Giovedì 31 maggio 2007 il ricorso presentato nel 1996 contro la Legge regionale 52/95 che introdusse per prima in Italia i finanziamenti pubblici alle scuole materne private, da parte di Enti pubblici.
Sono passati più di dieci anni, ma la questione resta viva.
Essa non ha a che fare con il diritto all'esistenza di tali scuole, riconosciuto dall'art. 33 della Costituzione, che noi condividiamo e difendiamo, ma con la funzione che la nostra Costituzione assegna alla scuola statale (art. 33): il compito di garantire a tutti i cittadini il diritto all'istruzione, senza alcuna discriminazione.
Ciò che preoccupa è il degrado della nostra scuola pubblica statale, scuola di tutti e per tutti, alla quale vengono continuamente sottratti i fondi necessari al suo funzionamento. Noi chiediamo che di tale questione, che ha a che fare con il futuro del nostro paese, si debba occupare la Corte Costituzionale, organo garante del nostro patto di convivenza civile.
Mentre i finanziamenti pubblici alle scuole statali per le spese di funzionamento e miglioramento dell’offerta sono più che dimezzati dal 2001 al 2007, quelli alle scuole private negli ultimi 10 anni sono quadruplicati
La Regione Emilia Romagna e tutti i Comuni, a partire da quello di Bologna, hanno continuato ad erogare finanziamenti in continuo aumento, anche dopo l’abrogazione della Legge Rivola del 1999.
Lo scopo di tutti i ricorsi è quello di giungere ad una sentenza della Corte Costituzionale che confermi l'illegittimità dei finanziamenti pubblici della scuola privata ai sensi dell'art. 33, c.3 della Costituzione: " Enti e privati hanno il diritto ad istituire scuole ed istituzioni di educazione, senza oneri per lo Stato."

Il Tar ha accolto la nostra richiesta di trattazione congiunta di tutti i ricorsi pendenti presso il TAR contro la Regione e i Comuni: oltre a quello del 1996 i ricorsi n.380/99 contro la delibera che confermava il sistema integrato comunale del Comune di Bologna, n. 1790/99 contro la Regione Emilia Romagna (Legge Rivola), n. 1517/2002 contro la nuova Legge regionale 26/2001 e n. 1354 contro  la delibera del 2002 del Comune di Zola Predosa.

La Corte ha fissato l'udienza per il prossimo 18 ottobre.

Bologna 31 maggio 2007

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl