Boy Scout di Ladispoli (Roma) in festa

17/ago/2007 15.49.00 Rosario Sasso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si è concluso in festa un altro anno per i boy scout locali.

Come da tradizione il campo estivo è l’appuntamento che chiude le attività del gruppo Scout AGESCI “Ladispoli2” con sede a Ladispoli (Roma).Quest’ anno il posto prescelto era in provincia di Arezzo poco distante da Firenze in un struttura attrezzata per ospitare gruppi di persone. L’impianto era immerso in un bosco collinare e distava circa 3 km dal paese più vicino. L’ideale per svolgere le tante attività ricreative ed educative, lontano dal mondo così come lo viviamo tutti i giorni : niente TV e telefonini, niente traffico e smog, lontano anche dai genitori, solo tanta voglia di stare insieme, divertirsi e condividere i momenti della giornata. La “truppa” era composta da 30 lupetti di età compresa tra gli 8 e 12 anni, da 5 capi-scout e da 2 cambusieri volontari. Al nostro gruppo si è aggiunto un giovane capo-scout di Arezzo nell’ambito di un gemellaggio e scambio di esperienze. Le giornate, intense, prevedevano attività da svolgere a partire dalle ore 7:30 fino alle 24 circa. I lupetti, ben organizzati dai “vecchi lupi” e ben strutturati in sestiglie, dirette da un lupetto più anziano, svolgevano a turno varie attività quali la liturgia, il servizio di cambusa, il servizio di pulizia, la preparazione di uno spettacolino di animazione. Oltre a queste attività giornaliere si sono svolte attività quali : -un torneo di pallamano, sport divertente che serve anche a sviluppare un sano spirito di competizione -una battaglia tra le varie sestiglie combattuta con pistole ad acqua e gavettoni -un gioco notturno nel buio del bosco a caccia di fantasmini luminosi, questo gioco divertente aveva lo scopo di far superare alcune piccole-grandi paure. Abbiamo esplorato anche la zona circostante effettuando ben 3 escursioni : la prima a Vallombrosa che si trova a 1000 m slm con un’antica abbazia gestita da monaci benedettini immersa in una Riserva Forestale, la cui importanza ci è stata illustrata, con l’ausilio di un filmato, da un addetto della Guardia Forestale; lezione molto utile perché uno degli obiettivi degli scout è rispettare e preservare la natura; la seconda ad Arezzo, splendida città medievale con il Duomo e la Basilica di S.Francesco; la terza a La Verna sull’Appennino Toscano dove S.Francesco si ritirava per i suoi consueti periodi di silenzio e preghiera, qui ricevette le stimmate che lui chiese al Signore. Tutte le attività dei boy scout si svolgono tramite il gioco e attraverso i personaggi del Libro della Giungla (Akela, Kaa, Baloo, Fratel Bigio, Bagheera, Raksha)  ed hanno lo scopo di formare e sviluppare nei  ragazzi la lealtà, l’indipendenza, la responsabilità, la solidarietà.

Ricordiamo che proprio quest’anno ricorre il centenario della nascita dello scoutismo, un movimento che permette a tantissimi ragazzi di tutto il mondo di imparare a vivere con gioia, in gruppo e lealmente, a rispettare l’ambiente, ad aiutare i meno fortunati. Un esempio ed un modello anche per noi adulti. info su www.ladispoli2.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl