Ma i Vigili multano chi imbratta? Bonus ai negozianti che collaborano

Bonus ai negozianti che collaborano L'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici) propone al Comune di Napoli, all'Asìa di istituire un bonus, sconto sulla Tarsu ai gestori di bar e negozi che vendono birre, alcolici, ecc., e che si impegneranno alla raccolta del vuoto, delle bottiglie nelle aree distanti pochi passi dagli esercizi commerciali.

20/ago/2007 19.20.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici) propone al
Comune di Napoli, all'Asìa di istituire un bonus, sconto sulla Tarsu ai
gestori di bar e negozi che vendono birre, alcolici, ecc., e che si
impegneranno alla raccolta del vuoto, delle bottiglie nelle aree distanti
pochi passi dagli esercizi commerciali. Basta con il degrado che si
registra nei centri storici ed in tutte le città d'Italia. Una situazione
che esiste anche a Napoli e verso la quale c'è bisogno della mobilitazione
di tutti i cittadini per restituire splendore al bellissimo, ma trascurato,
capoluogo della Campania. Da queste amare considerazioni, ma realistiche,
parte anche per il 2007 la Campagna di sensibilizzazione dell'Acusp "Non
sporchiamo la Città, l'Arte, I Mezzi di trasporto Pubblico". L'indagine
dell'Acusp mira a conoscere il numero di multe elevate dagli agenti della
Polizia Municipale per la difesa delle aree cittadine. In buona sostanza,
mentre il Comando della Polizia Municipale comunica, in modo particolare
dopo le domeniche ecologiche, il numero dei verbali elevati nei confronti di
automobilisti e motociclisti non rispettosi delle norme del Codice della
Strada. Poco o nulla si sa di quante multe vengono fatte a chi getta la
carta a terra o imbratta i muri della Città, oppure distrugge il verde
cittadino o continua a vendere frutta e verdura sui marciapiedi a pochi
passi dai tubi di scarico delle automobili, impedendo la mobilità dei pedoni
ed in particolare dei cittadini diversamente abili, ecc. Ma, soprattutto, i
soci dell'Acusp si attiveranno per conoscere i motivi di questa mancata
comunicazione di dati, mentre quelli dei verbali delle contravvenzioni per
il mancato rispetto del Codice della Strada vengono pubblicati
periodicamente.
Inoltre, l'Acusp chiederà alle competenti Autorità di attribuire agli
ispettori delle aziende di trasporto pubblico locale la facoltà di multare
chi imbratta bus, tram e filobus. Anche in questo settore, i danni
registrati sono notevolissimi. E le Aziende sono costrette a stanziare
cospicui finanziamenti per far ripulire sediolini, obliteratrici, pareti
interne ed esterne dei mezzi di pubblico trasporto; soldi con i quali si
potrebbero acquistare addirittura alcuni bus annualmente.
Il Presidente Acusp
dott Alfredo Capasso
3398697687





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl