LE ATTIVITA' DEI FEDELI DELLA CHIESA DI SCIENTOLOGY DI TORINO: "resoconto di una settimana come altre"

29/mar/2017 12:45:30 chiesa di scientology di torino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
LE ATTIVITA' DEI FEDELI DELLA CHIESA DI SCIENTOLOGY DI TORINO:
"resoconto di una settimana come altre"

    Torino, 29/03/2017: "ogni settimana vengono realizzate almeno 5 iniziative di pubblica utilità con centinaia di persone aiutate". Lo fa sapere l'ufficio delle relazioni esterne della Chiesa di Scientology di Torino, realtà religiosa presente nel capoluogo piemontese da oltre 30 anni.

    "Se è vero che ogni chiesa desidera accrescere i propri fedeli e che le iniziative di proselitismo sono indispensabili in tal senso - spiega Giuseppe Cicogna, portavoce torinese della comunità di fedeli della religione fondata da L. Ron Hubbard negli anni '50 - è altrettanto vero che gli Scientologi sono attivissimi in campo umanitario, con il mero intento di contribuire a risolvere i problemi che affliggono la società in cui viviamo e indipendentemente dall'orientamento religioso, culturale o ideologico."

    Un breve resoconto di una settimana come altre descrive il profilo di una minoranza molto attiva e presente:

    il 25 e 26 marzo alcuni volontari di Protezione Civile della Comunità di Scientology hanno partecipato ai servizi richiesti a supporto delle Giornate FAI (Fondo Ambiente Italiano) di Primavera mentre altri hanno preso parte ad un corso regionale sull'uso del decespugliatore, strumento indispensabile in occasione dei lavori di riordino degli alvei fluviali; 
    
    sempre sabato 25 marzo l'associazione Terra di Libertà Istruzione Viva, un onlus formata da alcuni fedeli di Scientology volta a promuovere il Diritto all'Istruzione, hanno collaborato all'assistenza allo studio per decine di giovanissimi studenti delle periferie;

    altri ancora distribuiscono una guida al buon senso intitolata La Via della Felicità a persone di tutte le nazionalità dedicandosi in particolare alle aree critiche del capoluogo piemontese come Porta Palazzo. Il libretto viene accolto con estremo favore da persone provenienti da oltre 30 paesi differenti perché contiene 21 semplici norme universali di buona convivenza e rispetto reciproco. Lo stesso libretto viene regolarmente diffuso ogni settimana anche in provincia di Cuneo e in Liguria;
    
    incessante è l'impegno sul fronte della prevenzione alla droga con la consegna di centinaia di copie di opuscoli informativi ogni settimana a Torino e provincia.

    "Quest'opera è costante e silenziosa e quanto sopra ne rappresenta solo un piccolo esempio. Non è sotto la luce dei riflettori, ma ogni tanto è giusto far sapere cosa sta venendo fatto a favore della comunità senza chiedere niente in cambio, perché questo è il vero spirito del volontariato." 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl