Beverello a rischio rapine. Senza poliziotti. I Sindaci devono intervenire

11/set/2007 19.10.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Al Beverello un altro, l'ennesimo episodio di violenza metropolitana. Il
presidente del consiglio comunale dell'Aquila, Carlo Benedetti, è stato
rapinato a fine agosto del Rolex, mentre era in auto e aspettava di
imbarcarsi per Ischia. Non si è registrato, purtroppo, nessun intervento di
poliziotti. In merito, l'Acusp (Associazione Contribuenti Utenti Servizi
Pubblici), Assoutenti, Fiaba (Fondo Italiano Abbattimnto barriere
Architettoniche)e il Centro Studi "il punto" per la Mobilità Sostenibile
hanno chiesto un incontro al Questore di Napoli, perchè sia potenziato
l'organico degli agenti al Beverello, che continua ad essere un luogo a
rischio per Turisti, Utenti e Pendolari. E, nonostante, questa allarmante
situazione di pericolo, l'Autorità Portuale annuncia il trasferimento dei
traghetti dal Beverello alla Calata Porta di Massa. Un percorso di oltre
800metri che dovrebbero percorrere i passeggeri, sicure vittime di
scippatori e ladri.
Contro questo progetto calato dall'alto dal Presidente Nerli, l'Acusp
conferma tutte le manifestazioni di protesta concordate ed annunciate
insieme ai Sindaci delle Isole del Golfo, che adesso devono far sentire la
propria "voce", ed il loro "NO" (se non vogliono tradire il mandato popolare
ottenuto) all'annuncio ufficiale del trasferimento da parte dell'Autorità
Portuale, che continua a non confrontarsi con le associazioni degli Utenti,
a non promuovere una Conferenza dei Servizi come richiesto dal professor
Ennio Cascetta, assessori ai trasporti della Regione Campania.
Il presidente Acusp
dott Alfredo Capasso
3398697687



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl