ANMVI all’On Argentin: l’eutanasia è la più grande sofferenza di ogni Veterinario

09/giu/2017 18:49:58 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line



ANMVI

Fine vita dell’animale da compagnia

ANMVI all’On Ileana Argentin: l’eutanasia è la più grande sofferenza professionale di ogni Medico Veterinario

Imporre la tariffa? Non è una prestazione da incoraggiare

(Cremona 9 giugno 2017)- “E’ del tutto comprensibile lo sfogo dell’On Ileana Argentin che ha vissuto la dolorosa esperienza dell’eutanasia del suo cane Ettore”- dichiara il Presidente dell’ANMVI Marco Melosi, dopo le dichiarazioni della parlamentare della XII Commissione Affari Sociali, che ha raccontato la sua esperienza via web.

Con la dolce morte di Ettore, “a causa di un grave male”, la deputata ha vissuto la dolorosa esperienza dei proprietari che si trovano a compiere, coome lei stessa scrive,  “la scelta più difficile, quella di capire che l'animale non deve soffrire, esattamente come l'essere umano”. L’On Argentin ha poi sostenuto che ai Medici Veterinari si debbano dare indicazioni di “un prezzo diverso a seconda del peso delle tasche di chi si trovano davanti”.

Nella circostanza eutanasica, il Medico Veterinario- sottolinea il Presidente dell’ANMVI- non è un mero esecutore di sentenze, ma fa esperienza in prima persona di quanto accade, spesso sopportando un carico psico-emozionale molto pesante di cui non c’è una piena consapevolezza. Si tratta invece di uno dei maggiori fattori di sofferenza professionale della nostra Categoria”.

Quanto a fissare prezzi ‘politici’ per l'eutanasia, il Presidente dell’ANMVI dichiara: “L'eutanasia non va né incoraggiata né deresponsabilizzata. L’eutanasia di un cane che è stato per anni un compagno di vita e un paziente in cura, è una decisione fra le più complesse da assumere, che Medico Veterinario e proprietario devono condividere in tutte le sue fasi. Se quella è davvero l’ultima strada, bisogna garantire al paziente- animale tutti gli accorgimenti necessari ad evitargli ogni sofferenza. Tutto questo purtroppo ha un costo, sia umano che economico, per questo è importante che il proprietario sia adeguatamente informato di ogni risvolto”.

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

 



iBOX DEM

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl