Comunicato stampa.

21/lug/2017 23:38:56 Narconon sud Europa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Avere un marito (o una moglie) tossicodipendente

Chiunque sia stato sposato con una persona con un problema di dipendenza sa senza dubbio quanto la dipendenza sia distruttiva per un matrimonio. 

Per alcuni, la dipendenza esisteva prima del matrimonio, per altri si è sviluppata dopo le nozze. Alcune persone che in precedenza soffrivano di dipendenza hanno scoperto che possono ravvivare le loro vite con un sano e sobrio desiderio di vita matrimoniale e di famiglia. Alcuni di loro avranno successo, ma molti perderanno la guerra, il matrimonio e la famiglia quando la dipendenza li riprenderà.

L'abuso di sostanze che si sviluppa in tossicodipendenza può richiedere anni e il coniuge sobrio non capisce per molto tempo cosa stia succedendo. Ci sono problemi che non si risolvono, lavori persi e mancati redditi; ci possono essere incidenti stradali o altri incidenti, c'è un conflitto continuo in casa e lunghe assenze. In molti casi, il coniuge sobrio non è in grado di risolvere queste situazioni perché la vera causa, la tossicodipendenza, è nascosta.

Un tossicodipendente diventa molto spesso un maestro nel manipolare. Lui (o lei) ha una bugia pronta per chiunque voglia sapere dove è stato, dove stanno finendo i soldi, perché ha perso un altro lavoro, chi sono questi tipi che arrivano in casa.

I tossicodipendenti imparano a cambiare le carte in tavola col coniuge che sta facendo domande. Imparano a incolpare la parte sobria della coppia, sconvolgendola con il fatto che questa non li aiuti o che non creda alle sue bugie scandalose. Il coniuge sobrio può restare prigioniero in questa ragnatela di bugie per amore, per desiderio di aiutare e di fidarsi della moglie (o del marito).

Quando nessun’altra soluzione è disponibile, molto spesso, per un coniuge sobrio l'unica soluzione è quella di abbandonare la relazione per salvare se stesso e i bambini, se ce ne sono.

Violenza domestica e crimine nella tossicodipendenza

I coniugi sobri vedranno che i beni della famiglia scompaiono poiché tutte le risorse vengono bruciate con l'abitudine della droga del tossicodipendente. I più sfortunati saranno sottoposti a violenza domestica. Un marito alcolista può perdere ogni freno e cominciare a picchiare la moglie o i figli. Una moglie che ha preso metamfetamine potrebbe cercare di uccidere i suoi figli e il marito durante una paranoia indotta dalla droga.

La rovina finanziaria è comune nelle famiglie in cui qualcuno è tossicodipendente perché la dipendenza è un'abitudine molto costosa. La voglia ossessiva costringe una persona a continuare il vizio anche quando lui (o lei) vuole smettere più di ogni altra cosa al mondo. Auto, attrezzi, lavori, carriere, imprese, anche i giocattoli dei bambini sotto l’albero di Natale possono essere sacrificati. Se tutto il resto fallisce, una persona può tentare la via del crimine per continuare con la tossicodipendenza. Il furto, lo spaccio di droga e la prostituzione possono essere il risultato, ma prima di arrivare a questo punto, un coniuge tossicodipendente fortunato ha un marito o una moglie che si rivolge a un centro di riabilitazione specializzato.

Ugo Ferrando

Portavoce Narconon Sud Europa

Viale Zara 3, Milano

-- 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl