STAMPA - All'Assemblea Generale delle Nazioni Unite da oggi si discute di NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO PER LO SVILUPPO

22/ott/2007 07.51.00 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
                                      COMUNICATO STAMPA
 All'Assemblea Generale delle Nazioni Unite da oggi si discute di
NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO PER LO SVILUPPO
 
Roma, 22 ottobre 2007. Nell'ambito della 62° Sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York e del 3° Dialogo di Alto Livello sul Finanziamento per lo Sviluppo  si tiene oggi il Seminario "I flussi di capitali tra Nord-Sud e la ricerca di strumenti alternativi di finanziamento per lo sviluppo" organizzato dalla Cidse (la rete delle agenzie di sviluppo cattoliche di Europa e Nordamerica) e South Centre, organizzazione intergovernativa di paesi in via di sviluppo. Il Vertice di Monterrey in Messico del 2002, infatti, in cui l'Onu chiamò a discutere  i Governi e i capi di Stato sugli strumenti e gli impegni da adottare per reperire risorse per combattere la povertà e facilitare lo sviluppo economico dei paesi più svantaggiati, verrà esaminato nei suoi risultati e nei suoi fallimenti il prossimo anno a Doha nel Qatar con la Review Conference for the Monterrey Consensus
Il Dialogo di Alto livello è chiamato a preparare lo svolgimento di Doha 2008, mettendo a confronto i Governi, e con essi anche i rappresentanti della società civile più impegnata nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio.
 

Sergio Marelli, Presidente Associazione ONG italiane e direttore generale FOCSIV, relatore del Seminario dichiara: "Chiediamo ancora una volta  che i paesi industrializzati destinino lo 0.7% del PIl all' Aiuto pubblico allo sviluppo, e l'adozione di forme innovative per il finanziamento multilaterale dello sviluppo come fonti complementari che vadano ad aggiungersi alle risorse stanziate dai Governi, e non sostituitive degli impegni presi dalla comunità internazionale nella lotta alla povertà".

 

"Fin dal Consensus di Monterrey - continua Marelli- la proposta di adozione di una Tassazione delle Transazioni Finanziarie (CCT) è stata ben accetta e vista come una ozpione plausibile e auspicabile, questo dimostra che la sua implementazione è solo una questione di volontà politica; quindi chiediamo a tutti i paesi ricchi, e in particolare all' Unione Europea, di introdurre una tassa di questo tipo che garantisca una distribuzione più equa della ricchezza e un clima finanziaro più stabile, aumentando i benefici e le risorse che servono a finanziare gli Obiettivi di sviluppo del Millennio".

 

Chiude Marelli "Mentre nel 1995 gli scambi finanziari al netto erano a favore dei paesi in via di sviluppo per circa 46 miliardi di dollari, nel 2006 lo scambio è diventato sfavorevole fino a toccare i 658 miliardi di dollari in meno per i paesi del sud, compresi i paesi che appartengono all'Africa Subsahariana, nonostante l'enorme flusso di aiuti proveniente dai paesi ricchi destinati a questa regione. E' evidente che senza far fronte alle fortissime tendenze economiche-finanziarie che continueranno a far aumentare il flusso negativo di capitale finanziario fra sud e nord del mondo, l'aumento dell'aiuto pubblico non lascerà nessuna traccia nella lotta alla povertà".

 

IN ALLEGATO IL PROGRAMMA DEL SEMINARIO CIDSE

Per interviste e informazioni:

 

Paola Amicucci

Ufficio Stampa Volontari nel mondo - FOCSIV
Tel. 066877796, 066877867- Fax 06 6872373
Cell. 328.0003609
E-mail:
ufficiostampa@focsiv.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl