STAMPA: MONUMENTO AI VOLONTARI INTERNAZIONALI CADUTI: UN RICONOSCIMENTO A CHI COSTRUISCE LA PACE

STAMPA: MONUMENTO AI VOLONTARI INTERNAZIONALI CADUTI: UN RICONOSCIMENTO A CHI COSTRUISCE LA PACE COMUNICATO STAMPA MONUMENTO AI VOLONTARI INTERNAZIONALI CADUTI: UN RICONOSCIMENTO A CHI COSTRUISCE LA PACE Roma, 26 ottobre.

26/ott/2007 17.30.00 Associazione ONG italiane Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

         COMUNICATO STAMPA                 

 

MONUMENTO AI VOLONTARI INTERNAZIONALI CADUTI:

UN RICONOSCIMENTO A CHI COSTRUISCE LA PACE

 

 

Roma, 26 ottobre. Il Presidente dell’associazione ONG italiane Sergio Marelli insieme al Vicepresidente del Consiglio Francesco Rutelli hanno presentato oggi al Ministero per  i Beni e le Attività Culturali il progetto per il monumento ai volontari italiani caduti nei paesi dei Sud del mondo nel corso di progetti di solidarietà internazionale. 

 

“Finalmente un riconoscimento a coloro che negli anni sono stati gli operatori di pace e giustizia nel mondo, a tutti i cittadini caduti all’estero, non solo ai militari. I circa 5mila volontari e cooperanti che sono attualmente in servizio nei diversi paesi del sud del mondo vengono considerati non come cittadini di "serie B", ma come chi accetta di affrontare rischi e minacce, anche in contesti di guerra, assumendo un impegno concreto e in prima persona nella lotta alla fame e alla povertà: il nostro vero contingente italiano di pace nel mondo” dichiara Sergio Marelli.

 

Continua Marelli "Molto spesso i nostri volontari sono gli unici presenti in paesi lontani e in conflitto, rappresentano l'Italia con le loro attività umanitarie lì dove le autorità governative non possono arrivare. La nostra azione getta le basi per un futuro di sicurezza, perchè attraverso la costruzione della pace, dello sviluppo e di giustizia sociale per le popolazioni povere si lavora anche per assicurare la sicurezza per il nostro paese e per le generazioni future".

 

L'On. Rutelli ha dichiarato "Il nostro è un gesto doveroso verso chi in silenzio testimonia con il proprio servizio i valori dell'Italia migliore, abbiamo deciso di erigere un monumento alla memoria di chi ha perso la vita in nome della generosità" .

 

Ogni anno, in occasione della Giornata Mondiale del Volontariato, indetta dalle Nazioni Unite, Volontari nel mondo - FOCSIV conferisce un riconoscimento ad un/a volontario/a che, contribuisce con il proprio impegno allo sviluppo delle popolazioni del Sud del mondo e alla costruzione della pace.   

 

Lo scorso 2 dicembre la cerimonia di premiazione si è tenuta alla presenza del Vicepresidente del Consiglio Francesco Rutelli, al quale il Presidente della Associazione ONG italiane Sergio Marelli consegnò la lista dei 70 volontari italiani di tutte le ONG del nostro Paese che, dal 1983 a oggi, sono morti nel corso del loro servizio in una missione internazionale. In quella occasione il Vicepremier Rutelli avanzò la proposta di individuare una forma di testimonianza e commemorazione per i volontari italiani caduti, che si concretizza oggi con l'apertura del concorso di idee a livello europeo per un monumento situato all'aereporto internazionale di Fiumicino, come luogo simbolico di incontri tra culture e popoli diversi. Nel marzo del 2008 verrà proclamato da una giuria di esperti l'artista vincitore e nel corso dell'anno si apriranno i lavori del cantiere.  

 

Nel 2006 gli operatori italiani impegnati in attività di cooperazione internazionale sono stati circa 6mila.

  • IN ALLEGATO LA LISTA DEI VOLONTARI DECEDUTI IN SERVIZIO 

Paola Amicucci

Ufficio Stampa Associazione ONG Italiane

email: ufficio.stampa@ong.it
Tel: 06 6832061 - 328.0003609; Fax: 06 6872373

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl