STAMPA: 2 novembre a Roma Assemblea degli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale

STAMPA: 2 novembre a Roma Assemblea degli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale COMUNICATO STAMPA "Quale partenariato per una qualità della Cooperazione?"

31/ott/2007 17.00.00 Associazione ONG italiane Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                 COMUNICATO STAMPA                 

 

 

 

         "Quale partenariato per una qualità della Cooperazione?"

Assemblea plenaria degli Stati Generali della Solidarietà e

della Cooperazione Internazionale a Roma il 2 novembre 2007

 

Roma, 31 ottobre 2007. L'Associazione ONG italiane partecipa da oltre un anno al percorso degli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale, l'appuntamento del 2 novembre prossimo sarà una tappa importante di confronto e dialogo per rilanciare la richiesta al Governo e al Parlamento della Legge di Riforma della cooperazione e di una seria inversione di rotta per la Finanziaria 2008 nella destinazione risorse per l'aiuto pubblico allo sviluppo

 

Gli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale si riuniranno in Assemblea Plenaria  il 2 novembre 2007, dalle 9.30 alle 17.00, presso la Città dell'Altraeconomia di Roma (Piazza Dino Frisullo - zona Testaccio); il tema affrontato dalle centinaia di associazioni  aderenti sarà "Quale partenariato per una qualità della cooperazione?". Gli Stati Generali approfondiranno così le proposte per cui sono mobilitati in questo periodo: l'Appello lanciato alla Marcia Perugia-Assisi dello scorso ottobre e la conseguente raccolta di firme  per una cooperazione rinnovata e la nuova legge sulla cooperazione internazionale, attualmente in discussione al Senato. "Chiediamo un'inversione di tendenza immediata: la politica internazionale sia aperta alle sollecitazioni della società civile." Raffaella Chiodo, coordinatrice degli Stati Generali, pur riconoscendo che "gli sforzi fatti da questo governo per valorizzare la cooperazione come dimostrato con il dialogo aperto con la Vice Ministra agli Esteri Sentinelli per il suo sostegno e attenzione verso i contenuti della nostra iniziativa e nel processo di riforma della cooperazione", ribadisce che "servono più risorse e complessivamente un approccio che segni tutta l'agenda del programma del governo, una politica coerente con i principi di giustizia e solidarietà. In questo senso lo squilibrio tra risorse per armamenti e quelle per la lotta alla povertà ed alla cooperazione è per noi inaccettabile. In seguito all'incontro che una delegazione degli Stati Generali avuto ieri, continua Chiodo "abbiamo espresso la nostra preoccupazione al Presidente della Camera Bertinotti perché in Parlamento il processo di riforma della legge 49 sembra fermo. Si deve agire e presto per emanare una nuova legge per dotare il nostro paese di strumenti che aiutino a costruire una qualità migliore degli interventi di cooperazione internazionale." Oggi la delegazione sarà ricevuta dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Enrico Letta, al quale intende sollecitare un  nuovo approccio da parte dell'esecutivo per una politica declinata alla solidarietà e responsabilità internazionale e dunque una finanziaria più giusta e solidale.


Per questo gli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale si riuniranno ed incontreranno durante l'assemblea le rappresentanti delle reti internazionali come Miriam Sissoko di ROPPA (reti di agricoltori dell'Africa occidentale), Paulina Chiziane (scrittrice mozambicana, molto attiva sulle tematiche di genere) e Rosa Jijon (artista migrante dell'Ecuador impegnata sul tema del debito dei paesi impoveriti).

All'Assemblea plenaria degli Stati Generali interverrà anche la Vice Ministra degli Affari Esteri Patrizia Sentinelli, che  ha dichiarato di partecipare "per ascoltare le ragioni e le proposte degli attori della cooperazione". La sua presenza s'inquadra nel confronto e dialogo che ha caratterizzato il rapporto con il percorso degli Stati generali e l'attenzione e  l'impegno della stessa Vice Ministra.

I gruppi di lavoro ( Pace, disarmo e prevenzione dei conflitti; diritti: beni comuni, salute, educazione, migrazioni; Attori e strumenti; Politiche di genere; Coerenza delle politiche: modelli di sviluppo, politiche economiche, sociali ed ambientali; Reti territoriali e relazioni comunitarie ) si confronteranno per definire i contenuti dell'intervento che gli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale terranno al Forum della Cooperazione Internazionale, promosso dal Ministero degli Esteri il 3 novembre prossimo all'Auditorium. Gli Stati Generali sono stati invitati dal Ministero degli Esteri per portare il loro contributo di elaborazione nel dibattito sulle prospettive della nuova cooperazione italiana.



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl