I FANTASMI DI ROMA

I FANTASMI DI ROMA I FANTASMI DI ROMA Siamo costretti a tornare sul tema " Museo Astronomico e Copernicano " di Roma, perchè ci piace chiarire per i " sapientoni " dell'INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) e per altri soggetti presi da curiosità intorno all'evento che ci ha visti protagonisti per evitare un vero e proprio progetto di rapina congegnato ai danni della città di Roma, alcuni contorni inediti della faccenda.

27/nov/2007 12.49.00 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
I FANTASMI DI ROMA

Siamo costretti a tornare sul tema " Museo Astronomico e Copernicano " di Roma, perchè ci piace chiarire per i
" sapientoni " dell'INAF ( Istituto Nazionale di Astrofisica) e per altri soggetti presi da curiosità intorno all'evento che ci ha visti protagonisti per evitare un vero e proprio progetto di rapina congegnato ai danni della città di Roma, alcuni contorni inediti della faccenda. All'epoca dei fatti in questione ricordiamo che erano stati neutralizzati dai promotori della tentata rapina culturale interventi autorevoli quali quello del sindaco di Roma Veltroni, del ministro Moratti, del ministro Alemanno, di accademici, professori universitari, associazioni culturali ed ambientali di primaria importanza. Migliaia e migliaia di firme di cittadini che protestavano non venivano prese in alcuna considerazione. Quando fu richiesto dalla comunità polacca l'intervento del Comitato per la salvaguardia della Cultura
europea si capì subito che si era davanti a un sistema perverso che coinvolgeva uomini politici, burocrati di vari ministeri e clienti-elettori in cerca di favori. Ma si capì anche che i tempi per salvare la struttura museale erano strettissimi e bisognava dare la priorità a talune azioni di contrasto piuttosto che ad altre (erano già pronte le polizze assicurative e le società di trasporto per trasferire i cimeli copernicani a Monteporziocatone). Come fare a salvare il Museo di Copernico? Chi conosce bene la storia di Roma certamente sa che più volte, nei secoli, questa città è stata salvata dai Fantasmi che da sempre vegliano contro barbari di vario tipo che vogliono sottrarle il patrimonio d'arte che l'ha resa unica nel mondo. A questi Fantasmi noi ci siamo rivolti con l'umiltà di chi nelle proprie azioni è condizionato soltanto da passione ed amore. E questi fantasmi sono intervenuti e ci hanno messo in condizione di salvare il Museo. Sapevamo che correvamo il rischio che qualcuno ,colto con le mani nel sacco, si sarebbe difeso con tutta l'energia possibile, anche con carte bollate che in questo caso non hanno valore alcuno. Infatti, come si fanno a notificare le carte bollate ai Fantasmi? Talvolta, come si vede in questa storia, i nostri scienziati dell'Inaf, a furia di trascorrere ore, mesi ed anni ad osservare stelle e pianeti, si dimenticano che nella realtà che li circonda ci sono dei modesti artisti che non bisogna mai sottovalutare. Perchè all'uopo possono sempre far intervenire i Fantasmi.

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl