STAMPA: DATI OCSE SU ITALIA:: "CHI SEMINA VENTO RACCOGLIE TEMPESTA"

13/dic/2007 17.00.00 Associazione ONG italiane Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

COMUNICATO STAMPA 

 

DATI OCSE SU ITALIA:

"CHI SEMINA VENTO RACCOGLIE TEMPESTA"

 

Roma, 13 dicembre 2007. In questi giorni è stato reso noto il rapporto del Development assistance committee (Dac) dell’Ocse relativo alle risorse allocate dai paesi Ocse per l’Aiuto allo sviluppo (Aps), quanto cioè i paesi donatori scelgono di destinare alla lotta alla povertà nei paesi in via di sviluppo.

 

Primo dato allarmante emerso è che il totale dei fondi destinati calcolando la somma dei paesi donatori è sceso per il 2006 del 4,5 % rispetto all’anno precedente raggiungendo i 104,4 miliardi di dollari.   

Per quanto riguarda l'Italia il contributo alla cooperazione internazionale nel 2006 è stato di 3.641 milioni, pari allo 0,20%del pil. La differenza percentuale complessiva segna meno 30,6% rispetto al 2005; in cui si raggiunse una cifra "gonfiata" di Aps (0,29%) con la cancellazione del debito estero dell'Iraq e della Nigeria. Ma anche eliminando dalla cifra complessiva del 2005 i debiti nigeriano e iracheno, l’Italia nel 2006 si situa molto al di sotto rispetto agli altri paesi donatori con un calo del 42 per cento degli aiuti allo sviluppo (1.596 milioni di dollari in meno).

 

"Gli altri paesi europei -  afferma Sergio Marelli, Presidente Associazione ONG italiane - hanno rispettato la tappa intermedia del 2006 in vista del 2015, anno in cui si dovrebbe stanziare lo 0,7% per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio, tranne l’Italia (ancora allo 0,20) insieme a Grecia (0,16%) e Portogallo (0,21%). Ma nel nostro caso è ancora più grave: siamo l'unico paese che fa parte del G8 e che discute nei vertici internazionali senza aver rispettato gli impegni sottoscritti in precedenza in sede europea. Anche nel 2007 i fondi stanziati per l'Aps non sono sufficienti".

Continua Marelli "A pochi giorni dalla approvazione definitiva della Legge Finanziaria, noi torniamo a chiedere di aumentare le risorse almeno fino allo 0,33%, come era stato scritto nel DPEF lo scorso giugno e poi smentito nei fatti. La Finanziaria non è chiusa ancora, il Governo aumetando i fondi può rimediare al ritardo dell'Italia nella cooperazione allo sviluppo, dando così un segnale forte che inverta la tendenza che vede il nostro paese sempre più in fondo alle classifiche internazionali  nella lotta alla povertà e alla fame".

 

Paola Amicucci

Ufficio Stampa Associazione ONG Italiane
email:
ufficio.stampa@ong.it
Tel: 06 6832061 - 328.0003609; Fax: 06 6872373

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl