ANAMMI: Il lavoro? Un affare di condominio

28/gen/2008 09.49.00 ANAMMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Roma, 28 gennaio 2008

COMUNICATO STAMPA

IL LAVORO? UN AFFARE DI CONDOMINIO

I corsi per amministratore di immobili sono sempre piu' frequentati. A dirlo,
sono le cifre dell'ANAMMI: tanti i diplomati, in crescita i laureati ed i
professionisti che puntano su questo settore. Tra donne e uomini e' quasi
parita', mentre per gli "over 40" sta diventando un'occasione per reinventarsi
un lavoro se lo si e' perso

Costruirsi un percorso lavorativo, incrementare l'attivita' esistente o,
addirittura, reinventarsi un futuro professionale quando non si e' piu'
giovani. E' con questi obiettivi che, sempre piu' spesso, gli italiani si
iscrivono ad un corso per amministratori di condominio. Lo dimostrano le cifre
dell'ANAMMI, l'Associazione Nazional-europea degli AMMinistratori d'Immobili
che, in procinto di avviare a marzo i nuovi corsi, ha stilato un bilancio
sull'anno appena trascorso.
"I dati relativi al 2007 parlano chiaro - afferma il presidente Giuseppe Bica -
ben 1200 persone, in tutta Italia, hanno frequentato i nostri corsi, sostenendo
gli esami finali. Il che significa, tra l'altro, aderire anche all'associazione
e agli obblighi di professionalita' che cio' comporta. Chi sceglie questa
strada, insomma, lo fa consapevolmente, non come ripiego". A precisare questa
tendenza rispetto al passato, sono sempre i numeri: dei 1200 corsisti dello
scorso anno, 400 erano laureati, mentre gli altri due terzi erano in possesso
di un diploma. Il laureato, nel 70% dei casi, ha studiato Giurisprudenza, il
restante 30% si divide soprattutto tra Economia ed Ingegneria. I diplomati sono
geometri o ragionieri. Tutti, comunque, fortemente motivati. Spiega infatti il
presidente Bica che "oggi, chi si iscrive ad un corso ha un effettivo interesse
per la gestione condominiale. Arrivano ragazzi neodiplomati, in gruppo, che
gia' pensano di lavorare insieme in studio. Oppure, ci troviamo di fronte il
professionista che vuole incrementare il suo giro d'affari, la laureata che
intende conciliare lavoro e famiglia". Avviare un'attivita' non e' difficile:
bastano un computer ed una linea telefonica dedicata. Gli stessi corsi di base
ed i master di aggiornamento hanno costi contenuti.
Altro dato significativo, secondo l'ANAMMI, e' che la parita' tra uomini e
donne, in questo settore, e' molto vicina. "Lo scorso anno, 437 donne si sono
iscritte ai nostri corsi, a fronte di 703 uomini", osserva il leader
dell'Associazione. Ma ancora piu' importante e' che nessuno pretende, come un
tempo, l'amministratore maschio. Anzi, precisa Bica, "spesso riscontriamo una
preferenza per le donne, perche' le si ritiene piu' abili nella gestione dei
rapporti umani".
Un nuovo, interessane filone occupazionale e' quello degli "over 40" e degli
ultracinquantenni. Nel primo caso, si tratta di lavoratori di grande esperienza
che, purtroppo, hanno perso il lavoro e provano a reinventarsi una
collocazione. "Sono persone di grande competenza, anche laureati, che cercano
una seconda occasione e riescono a costruirla grazie al corso", racconta Bica.
Gli ultracinquantenni, invece, sono quelli che il numero uno dell'ANAMMI
definisce "giovani pensionati, che hanno ancora tanta voglia di fare". Infine,
accanto al corso tradizionale, dalla durata di 3 mesi e con frequenza
settimanale, e' da rilevare il consenso in crescita per i corsi on-line: 300
soltanto nel 2007.

Ufficio stampa: Silvia Cerioli
tel. 06.55272323 - cell. 338.7991367






































































































blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl