Tosti: "La Chiesa cattolica è la più grande associazione a delinquere della storia"

06/mar/2008 10.30.00 Axteismo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tosti: “La Chiesa cattolica è lapiù grande associazione a delinquere della storia”

 

Questoquanto dichiarato in aula dal giudice Luigi Tosti, condannato ad un anno di reclusioneed interdizione dai pubblici uffici per essersi rifiutato di tenere udienze inaule con esposto il Crocefisso

 

Vietata la registrazione videodell’udienza, richiesta dallo stesso imputato, che accusa le istituzionidi censura

 

Giovedì 21 febbraio presso il Tribunale penale dell’Aquila èstata emessa la sentenza di condanna nei confronti del giudice Luigi Tosti, al quale è stata inflitta una pena di un anno di reclusione ed un anno diinterdizione dai pubblici uffici perché ritenuto colpevole di omissione in atti d’ufficio e interruzione dipubblico servizio.


La vicenda giudiziaria di Luigi Tosti è iniziata nel 2005, anno in cui hasubito un processo che è culminato in una condanna a 7 mesi di reclusione edinterdizione dai pubblici uffici a causa del suo rifiuto di tenere udienze inaule giudiziarie dove fossero esposti crocifissi. Tosti aveva chiesto che venisse rimosso il simbolo cattolico oppureche gli fosse concessa l’autorizzazione ad esporre anche i suoi simbolireligiosi, ovvero la menorà ebraica.


Non avendo ottenuto quanto richiesto il giudice Tosti ha avvisato di non volertenere udienze e questo suo comportamento è stato giudicato un reato e cometale punito con la condanna citata. Dopo la prima sentenza il giudice hacontinuato a non soprassedere alle udienze e, desideroso di chiarire questavicenda, ha deciso di auto-denunciarsicosì che si è arrivati a questo nuovo processo.


La Voce d’Italia ha intervistato il giudice Luigi Tosti, personaggiodivenuto scomodo, che trova poco spazio sui media nazionali.


Giudice Tosti, potrebbe commentarciquesta sentenza?

 

Si tratta sicuramente di unacondanna allucinante. Dopo la prima sentenza, essendo io molto testardo, hocontinuato a non soprassedere alle udienze ed ho deciso per questo di denunciarmi.Il Tribunale mi ha ricondannato per il vincolo della continuazione ed haaumentato la pena. L’udienza si è però svolta in un clima di pregiudizionei miei confronti. Per prima cosa ho avanzato, come imputato, le medesimerichieste che avevo espresso in qualità di giudice, ovvero che venisse tolto ilcrocifisso dall’aula giudiziaria, oppure, e questo è quasi sempreignorato dalla stampa, che mi venisse concesso di esporre la menorà ebraica. Sequesto non è considerato legittimo si sarebbe dovuto provvedere ad inviare unarichiesta alle istituzioni competenti visto che l’Italia, secondol’articolo 3 della Costituzione, è una Repubblica fondatasull’uguaglianza. La mia richiesta non è stata accolta, ma senza che misia stata data alcuna motivazione, la si è semplicemente lasciata cadere nelnulla. L’unica risposta che ho ricevuto è che il crocefisso “nondava fastidio”, mentre per quanto riguarda i miei simboli, che credoanch’essi non diano fastidio, mi è stato riferito che l’autorizzazionenon poteva essere data se non dal Ministro della Giustizia, cosa che so bene edinfatti la mia richiesta andava proprio in tal senso, ovvero che i giudicirichiedessero tale autorizzazione. Questo, come detto, non è stato fatto.

Un altro elemento che conferma ilclima di ostilità in cui mi sono venuto a trovare concerne le possibilità diriprendere il processo. Io avevo portato una telecamera con l’obiettivodi registrare l’intera udienza, ma, prima ancora che cominciasse laseduta e che io potessi presentare la mia richiesta un capitano dei Carabinieriha requisito la cinepresa. La motivazione era che le riprese non erano stateautorizzate, fatto molto strano visto che, ripeto, io non avevo ancora postotale domanda. Fatto presente ciò al Presidente, questi ha deciso seduta stantedi negare l’autorizzazione senza nemmeno ritirarsi per consultarsi congli altri giudici come da procedura. Se si considera la mediatizzazione di unprocesso come quello ai coniugi Romano, magari contro la loro stessa volontà,non si spiega questo rifiuto, visto che in questo caso era propriol’imputato a volere le riprese, se non con la deliberata intenzione dinon divulgare le immagini di un processo che avrebbero potuto recare vergognaalle istituzioni. Si è voluto tener nascosta la mia richiesta di uguaglianza,la mia denuncia contro gli abusi della ‘superiore razza cattolica’.

Passando poi alla condanna vera epropria si deve sottolineare l’inesattezza di tale giudizio. Il miocomportamento non può costituire un reato perché io ho avvisato che nonintendevo soprassedere alle udienze quindi l’accusa di aver recato disagiai cittadini italiani è infondata in quanto avrei potuto benissimo esseresostituito. Basti pensare che la Cassazione ha già assolto dal reato diinterruzione di pubblico servizio un’insegnante che non si è recata allavoro presentando un falso certificato medico mentre è stato poi accertato cheaveva speso il suo tempo in viaggio. Essendo stata sostituita da una supplentela Corte ha giudicato priva di fondamento l’accusa di interruzione dipubblico servizio, facendo sì che all’insegnante potessero essereapplicate solamente le dovute sanzioni amministrative. Va poi notato che io,oltre ad aver avvisato prima, ho anche dato la mia disponibilità ad andare inaula, basta che mi venisse accordata la possibilità di esporre la menorà.Unasanzione amministrativa è proprio quello che avrei voluto così avrei potutofare ricorso e costringere il giudice a decidere in merito al fatto se fossediscriminatorio, contrario all’articolo 3 della Costituzione e lesivo deldiritto di uguaglianza obbligare un dipendente pubblico a lavorare in unufficio dove c’è un simbolo diverso dal suo. A mio avviso si tratta di unreato di discriminazione che, secondo una legge del 1975, prevede una pena finoa 3 anni di reclusione.

Infine è caduto nel vuoto ancheil mio invito ai tre giudici di astenersi dal processo a mio carico nel caso incui fossero stati battezzati ed appartenessero ancora alla religione cattolica,infatti, dovendo in via preliminare giudicare se fosse o meno legittima lapresenza del Crocefisso in un’aula di tribunale, questo avrebbe sollevatoun conflitto di interessi.


E’ vero che nel corsodell’udienza Lei ha affermato questa frase: “La Chiesa cattolica èla più grande associazione a delinquere della storia e la più grande banda difalsari”?

 

Sì assolutamente, e lo avevo giàdetto, sempre in una udienza pubblica, lo scorso anno, ma tutto è passatoinosservato per il regime di censura che vige nel nostro Paese. Si tratta comunquedi una affermazione pienamente giustificata e provata da fatti storici. Trovoassurdo che i Cattolici vogliano dipingersi come i depositari di valoriuniversali e giusti e per questo pretendano una serie di privilegiingiustificabili come la possibilità di avere i propri simboli in luoghipubblici, oppure di poter imporre la propria visione su temi individuali comel’aborto, l’eutanasia o il divorzio. Credo che nessuna religionedovrebbe pretendere di arrogarsi tali diritti, nemmeno se viene professatadalla maggioranza dei cittadini. Pensate se la maggioranza degli Italianidivenisse Testimone di Geova, sarebbe giusto che venissero vietate letrasfusioni di sangue solo perché questo è un precetto previsto da tale credo?

E’ la stessa Dichiarazionedei diritti dell’uomo, insieme alla nostra Costituzione, a prevederel’esistenza di diritti individuali il cui rispetto va al di là dellalegge di maggioranza. E’ per questo che intendo andare avanti in questavicenda giudiziaria, sia ricorrendo in Appello sia rivolgendomi alla CorteEuropea dei Diritti dell’Uomo, perché in Italia vi è un manifestoproblema di mancanza di laicità e di violazione da parte di una maggioranzacattolica di questi fondamentali diritti individuali. Basti pensare alla questionedel divorzio: il matrimonio è un semplice contratto e come tale le particontraenti dovrebbero avere il pieno diritto di scioglierlo nel momento in cuinon si sentano più soddisfatte ed invece in Italia ci vogliono oltre 3 anniperché ciò avvenga senza dimenticare le dure battaglie per giungere a questorisultato. Siamo di fronte ad una maggioranza che impone la sua ideologiareligiosa, questo è quanto emerge da questo accaduto.


Quali sono le prove storiche cherenderebbero la Chiesa cattolica la più grande associazione a delinquere dellastoria?

 

Ce ne sono diverse, qui sipotrebbe aprire un dibattito veramente ampio, comunque le cito alcuni esempi.Innanzi tutto è stata la Chiesa la prima ad aver imposto agli Ebrei dei simboliidentificativi e questo è avvenuto nel 1215, anticipando di molto quanto fattodai nazisti. E’ sempre la Chiesa la prima che ha ghettizzato questaetnia, nel ‘500. Va poi citata la strage degli Ugonotti che ha causato lamorte di 50.000 persone ed è stata ordinata da Papa Pio V che è stato poisantificato. Il suo successore, Gregorio XIII ha pubblicamente lodato questoatto, facendo addirittura delle medaglie commemorative. Anche Cirillo diAlessandria è stato beatificato, lui che ha ordinato la strage dei paganiappena il Cristianesimo è stato approvato. Quello che più impressiona è lamancanza di pentimento, questi personaggi continuano ad essere venerati comesanti. Non solo il problema delle connivenze con i regimi dittatoriali, sempredi destra, ma il rifiuto di ammettere l’errore è ciò che più fa specie.

Non capisco poi come si faccia avenerare una religione che nel suo testo sacro, la Bibbia, presenta un Diovendicativo, crudele, omicida. Dico ciò rispetto alla religione cattolica, malo si potrebbe dire anche di altre, è per questo che invoco una piena laicitàdello Stato.

Per quanto riguardal’accusa di essere una banda di falsari basta ricordare che la Chiesa hacercato di produrre un falso documento che attestasse la volontà di Costantinodi affidare alle istituzioni ecclesiastiche l’intero Impero Romanod’Occidente. Il tentativo è fallito, ma c’è stato. Si pensi poi alfenomeno delle reliquie, ai 13 prepuzi di Gesù esistenti nel mondo, allepresunte stimmate di Padre Pio, il quale, una volta morto, è stato dapprimamostrato in pubblico con i guanti e quando poi si è dovuto ammettere che lestimmate non c’erano più si è detto che si erano rimarginate pochi giorniprima del suo decesso. Tutto ciò viene purtroppo passato sotto silenzio, non sivedono mai dibattiti riguardanti tale tema sulle televisioni nazionali. Credoinvece che si dovrebbe avere il coraggio di discuterne apertamente.


Marco Rogna

 

Fonte:

http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=6960&titolo=Tosti%20'La%20Chiesa%20cattolica%20e'%20la%20piu'%20grande%20associazione%20a%20delinquere%20della%20storia'

 

Nella foto il giudice Luigi Tosti

 

Se un filosofo è unuomo cieco che cerca in una stanza buia un gatto nero che non c'è,

un teologo è l'uomoche riesce a trovare quel gatto. Bertrand Russell

 

Ilibri "LA MORTE DI CRISTO – Cristiani e Cristicoli"e "LA FAVOLA DI CRISTO – Inconfutabile dimostrazionedella non esistenza di Gesù" del famoso cristologo LuigiCascioli sono disponibili su www.luigicascioli.it 

 

Il libro "Le religioni plagiano"di Vittorio Giorgini, ex professore del Pratt Institute di New York, èdisponibile da Arduino Sacco Editore www.arduinosacco.it codicelibro ISBN 978-8889584-60-6.

 

> Per sapere del caso di Luigi Cascioli autore del librodenuncia  "La favola di Cristo -Inconfutabile dimostrazione della non esistenza di Gesù" il cristologo cheha denunciato la Chiesa cattolica nella persona di un suo ministro per i reatidi "abuso della credulità popolare" e "scambio di persona"e del processo al Tribunale dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo vai su www.luigicascioli.it e su http://nochiesa.blogspot.com 

 

Cristo non è mai esistito. Video Shock

Video Conferenza di Luigi Cascioli – Processo a Gesù

Tribunale Diritti dell'Uomo di Strasburgo

E' possibile vedere e ascoltare la Video Conferenza

 

di Luigi Cascioli - Processo aGesù studioso di Storia del cristianesimo nella quale illustra le provedimostranti la “Non esistenza storica di Gesù e il processo contro laChiesa cattolica, conferenza sulle controprove di don Silvio Barbaglia”.Ecco il link diretto:

 

http://video.google.it/videoplay?docid=-1377841050449144943&q=cascioli&total=8&start=0&num=10&so=0&type=search&plindex=4

 

grazie anche ad ArcoirisTv:  

 

http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Search&testo=cascioli&tipo=testo

 

Se riuscite a scaricarlo è meglio dato che la definizione èmaggiore e non si rischia che venga rimosso per le solite ragioni inquisitoriee censorie. Straordinario documento da conservare.

 

> Per sapere del caso delgiudice Luigi Tosti che, in base alla Costituzione Italiana e alla Convenzione per lasalvaguardia dei Diritti dell’Uomo, chiede di poter affiggere neitribunali la menorà ebraica accanto al crocifisso, oppure la rimozione delcrocifisso (condannato a 7 mesi di carcere e pene aggiuntive) vaisu http://nochiesa.blogspot.com

 

Richiedi gratis la seguente documentazionein formato digitale scrivendo a:

axteismo@yahoo.it

 

> Documento “500 bambinisodomizzati dai preti. La Rai tace omertosa” di Luigi Tosti

> Documento “Crimini disesso in Vaticano, pretofili e preterasti impuniti” di Luigi Tosti

> Documento “Maleducazionecristiana” intervista radio a Sergio Martella

> Documento “Cos’èquesto Dio? Io so dove è Dio signor Joseph – Dio è ateo perché non credein se stesso” dello scrittore Ennio Montesi inviato a Joseph Ratzinger.

> Documento “Non è maiesistito un Gesù figlio di Giuseppe e Maria” di Giancarlo Tranfo studiososulle origini del cristianesimo.

> Documento “Tesisull’oggettiva e palese pericolosità dell’insegnamentocristiano” intervista (censurata) a Sergio Martella, psicoterapeuta escrittore.

> Documento “Attenzione,la Chiesa soffia sulla cenere e destabilizza il paese - Ratzy? No grazietenetevelo!” di Ennio Montesi

> Documento “Preti,maghi, fattucchieri e venditori di fumo: chi ha ragione?” di FabioMilani.

> Documento “Che cosa sono i dogmi? Chi listabilisce? Quanti e quali sono?”.

> Documento pretofilia del clero “Ecco chi, come equando ha deciso in Vaticano di sottrarre i pretofili alla magistratura. Non loindovinereste mai...” di Pino Nicotri giornalista investigativo de L’Espresso, con elenco dettagliatofatto dalla polizia, coi nomi e diocesi dei 4.392(quattromilatrecentonovantadue) sacerdoti accusati di violenza sui bambini. Su queste gravissime notizie la stampa“ufficiale”italiana tace omertosa.

> Documento“Perché mi riesce impossibile credere nell'esistenza di Dio” diLuigi Tosti

> Documento “Neocatecumenali - Testimoniaza”

> Documento “La Vergine Maria e la fecondazioneassistita - Ovvero la guerra tra le donne e il dictat del Vaticano. E io misbattezzo” di Ennio Montesi

> Modulo “Sbattezzo cancellazione dalla Chiesacattolica”,

> Cartolina Axteismo

> TUTTI i documenti disponibili, circa 50 mail.

 

 

Axteismo, No alla chiesa, no alle religioni

MovimentoInternazionale di Libero Pensiero

Datecispazio in Tv per parlare e la Chiesa chiuderà bottega.

CerchiamoFondazione oUniversità che sostengano studi e attività  

eImprenditore-Editore che apra Tv satellitare libera.

Axteismo vive grazie allevostre donazioni, certamente

saràutile la tua piccola donazione di 25euro su PayPal

http://nochiesa.blogspot.com 

Perlasciti testamentari e donazioni di altro tipo prendere contatto.

Leggile news anche degli altri mesi,

peraderire e informazioni:

axteismo@yahoo.it

tel.+39 3393188116

http://photos1.blogger.com/blogger/7629/1936/200/axteismo.4.jpg

 

 

 

 

 

 

Axteismo Press l'Agenzia degli Axtei, Atei e Laici

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl