Sì, aboliamo le gite scolastiche.doc

Gennaro Capodanno "Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sueidee non valgono nulla, o non vale nulla lui" Via Tino di Camaino, 22 - Napoli Tel. 0815787434 - 3392384648 e-mail: gennaro.capodanno@tin.it LETTERAAPERTA Sì: aboliamo le gite scolastiche Sonoperfettamente d'accordo: le gite scolastiche, tanto in voga in questoperiodo e che pomposamente nel linguaggio burocratico vengonodenominate visite guidate o viaggi d'istruzione, vanno abolite, perchénon hanno alcuna ragione d'essere allo stato attuale, creando solo disagie problemi.

16/mar/2008 11.49.00 Gennaro Capodanno Comitato Valori collinari Napoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comitato Valori  Collinari  

Presidente:Prof. Ing. Gennaro Capodanno

“Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sueidee non valgono nulla, o non vale nulla lui“

Via Tino di Camaino, 22  - Napoli

Tel.  0815787434   - 3392384648

e-mail: gennaro.capodanno@tin.it

 

 

LETTERAAPERTA

 

Sì: aboliamo le gite scolastiche

 

     Sonoperfettamente d’accordo: le gite scolastiche, tanto in voga in questoperiodo e che pomposamente nel linguaggio burocratico vengonodenominate visite guidate o viaggi d’istruzione, vanno abolite, perchénon hanno alcuna ragione d’essere allo stato attuale, creando solo disagie problemi. Alle scuole, che di certo non ricavano un’immagine positivadall’esportazione di un modello quale quello sovente rappresentato daglistudenti fuori dalle mura scolastiche, per lo piùlegato ad atti di vandalismo e di bullismo, come testimoniano le cronache quasiquotidiane; alle famiglie, specialmente quelle numerose, che ai nostri giorninon possono tollerare l’ulteriore carico di spesa che, viste le notecarenze dei bilanci scolastici, cadono per lo più integralmente su di esse, conimporti anche di diverse centinaia di euro per ogni studente. Senza considerarelo sgomento dei docenti “immolati” quali accompagnatori e letragedie, con perdite di vite umane, che sovente hanno costellato questeiniziative. Certo c’è anche chi trae vantaggio da tutto questo, a partiredalle agenzie di viaggio, il cui giro d’affari legatoal comparto può essere quantificato in centinaia di migliaia di euro. Ma chesenso ha, senza peraltro un’idonea preparazione, mandare gli studenti inlocalità, per lo più amene e destinate al turismo di massa, in un contesto deltutto avulso dalla cosiddetta programmazione didattica? Non sarebbe piùopportuno, senza perdere ulteriori giorni di proficue lezioni, organizzare nella scuola gratuitamente corsi, seminari, dibattiti sullalegalità, coinvolgendo magistrati e rappresentanti delle forzedell’ordine, per spiegare tra l’altro agli studenti che danneggiarela cosa altrui, pubblica o privata che sia, è un reato perseguito dalle leggidello Stato? Ci auguriamo che l’attuale ministro della P.I. o, inmancanza, il suo successore vogliano far seguire alle parole i fatti, emanandoapposite disposizioni in materia tese ad abolire un istituto che, così come èoggi concepito, risulta oramai inutile e dannoso, senza lasciare tale decisionealla discrezionalità delle singole istituzioni scolastiche, ritenendo un meropalliativo la punizione del sette in condotta che, da tempo, non crea piùalcuna preoccupazione negli studenti indisciplinati.

 

Gennaro Capodanno

Presidente Comitato Valoricollinari - Napoli

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl