POLITICI, BASTA CON LE PAROLE: CI SIAMO ROTTI!

01/apr/2008 22.10.00 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
POLITICI,BASTA CON LE PAROLE: CI SIAMO ROTTI! Walter Veltroni nelle ore scorse ha lanciato un appello contro l'astensionismo dicendo a chi ha in mente di astenersi di non lamentarsi in seguito se le cose andranno in un certo modo, perche' le elezioni sono il momento in cui si decide. Secondo il leader del Pd, "questo e' un momento decisivo per la vita del Paese" e bisogna attuare "un forte cambiamento: se l'occasione verra' sprecata, si consegnera' il Paese ad una sorta di progressivo declino". Veltroni, davanti alla platea dell'Associazione nazionale costruttori edili, lancia un avvertimento sui rischi che incombono sul futuro del Paese e indica qual e' la strada da seguire per evitarli: "Dobbiamo scuotere il Paese dalle fondamenta, sradicare poteri e conservatorismi per dar vita ad un cambiamento profondo".
Verrebbe voglia di credergli, se non fosse che il sistema che lo appoggia è il solito vecchio sistema dei DS e della Margherita, che ben conosciamo, con tutto il loro giro di amici imprenditori e finanzieri che ancora una volta si stanno dando da fare per dare una mano. Sì, perchè una mano lava l'altra, con questo modo di fare politica.Che è marcio e putrefatto. C'è una corruzione che non si vedeva dai tempi delle Verrine Ciceroniane. Il problema è che anche l'altro sistema berlusconiano non è altro che un comitato d'affari che nulla ha a che vedere coi bisogni costituzionali e democratici della società italiana. Siamo nella merda più totale. Ma c'è una cosa che ci rende ottimisti: la consapevolezza di essere pieni di merda fino al collo. I discorsi, vorremmo dire a Veltroni e Berlusconi, non bastano più. La società vi sta sfuggendo di mano e lo sapete. Italiani come Bebbe Grillo stanno per farvi un culo come una campana, e giustamente lo temete. Ma nella società italiana non c'è solo il comico genovese: c'è un fermento sociale che sta per diventare marea. Servono fatti! Vogliamo vedere le case per le fasce più deboli del nostro popolo, vogliamo vedere i nostri anziani non più umiliati dalla vostra inettitudine ed incapacità. Non vogliamo più vedere la gente del nostro popolo assistere alla perdita dei propri cari nei vostri ospedali lottizzati. State distruggendo insieme alle naturali prospettive dei nostri giovani, il futuro dell'intero popolo italiano. E non ci piace scrivere enciclopedie anche se siamo capaci di farlo essendo il nostro mestiere. Basta con le parole. Ci siamo rotti il cazzo. Ci scusino le signore per quanto ci è scappato irrefrenabilmente.

Comitato per la salvaguardia della Cultura europea









blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl