STAMPA: LA FOCSIV HA RILANCIATO L'APPELLO SUI DIRITTI UMANI DA TERRA FUTURA

STAMPA: LA FOCSIV HA RILANCIATO L'APPELLO SUI DIRITTI UMANI DA TERRA FUTURA COMUNICATO STAMPA LA FOCSIV HA RILANCIATO L'APPELLO SUI DIRITTI UMANI DA TERRA FUTURA A Firenze FOCSIV ha presentato l'appello "2008 con le Nazioni Unite per un'IMPRESA UMANA" per riprendere i temi della campagna e l'azione di mobilitazione.

24/mag/2008 16.30.00 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
                  COMUNICATO STAMPA

 

LA FOCSIV HA RILANCIATO L’APPELLO

 SUI DIRITTI UMANI DA TERRA FUTURA

 

A Firenze FOCSIV ha presentato l’appello “2008 con le Nazioni Unite per un’IMPRESA UMANA” per riprendere i temi della campagna e l’azione di mobilitazione.

 

Firenze, 24 maggio 2008. L’appello della FOCSIV che chiede al Governo di avere un ruolo attivo nel controllo del comportamento etico delle imprese anche nei paesi più svantaggiati è stato presentato oggi al pubblico di Terra Futura a Firenze.

La mobilitazione per la raccolta firme e lo scenario attuale del rispetto e delle violazioni dei Diritti Umani nei Sud del mondo sono stati illustrati da Sergio Marelli, Direttore Generale FOCSIV e Umberto Dal Maso, Presidente FOCSIV. Il seminario, moderato da Alberto Bobbio, Capo Redattore Famiglia Cristiana, è stato animato da numerose presenze come Vittorio AGNOLETTO Europarlamentare - Sottocommissione Diritti Umani, Andrea OLIVERO Presidente ACLI - Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani.

 

Dal Maso ha aperto il seminario: “Siamo testimoni degli effetti della globalizzazione l’iniziativa si pone l’obiettivo di dare una “sveglia” ai governi del nord affinché qualcosa si faccia, perché abbiamo visto globalizzare la catena produttiva, ora vorremmo veder globalizzare i diritti umani”.

 

Mons. Paolo TARCHI, Direttore Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro della Conferenza Episcopale Italiana, Il 60° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è un’importante occasione di riflessione in un contesto cambiato dall’esplosione della globalizzazione.

Porre al centro di questa campagna l’impresa vuol dire riprendere le grandi trasformazioni dell’economia mettendo al centro la persona umana e in questo si può sottolineare l’importanza della riflessione di questi anni sulla responsabilità sociale d’impresa, che ha messo in evidenza come il profitto non sia l’unico indicatore di successo di un impresa quanto piuttosto l’attenzione al capitale umano e al rapporto tra economia ed ecologia.

 

Johnny DOTTI, Presidente Gruppo CGM - Welfare Italia, che ha dichiarato: “È indispensabile partire da un’idea di impresa intrisa di valore sociale, in cui il capitale economico sia affiancato dal capitale sociale per contribuire a rendere plurale l’economia. Pluralismo economico, quale parità tra diverse forme di impresa e di economia, fatte di persone, non solo consumatori ma anche produttori e proprietari.

Nella ricerca di altre forme di economia capaci di rendere accessibili i diritti umani a tutti, infine, dovremmo farci portatori della nostra centenaria esperienza e cultura mediterranea in un un contesto in cui la globalizzazione è completamente colonizzata da esempi anglosassoni”.

 

Maurizio GUBBIOTTI, Responsabile Dipartimento Internazionale LEGAMBIENTE, ha continuato “La prima questione da affrontare è che non si può più ragionare di ambiente, salute o lavoro se non partendo dal punto di vista dei diritti e non più da quello dei temi o dei bisogni. La responsabilità sociale d’impresa applicata ad un contesto mondiale apre una nuova stagione dei diritti.

Affinchè si compia realmente questa nuova stagione dei diritti, inquadrata nei binari delle Nazioni Unite, così come viene presentata nel testo dell’appello, è indispensabile che diventi protagonista nella costruzione di una società sostenibile, sia dal punto di vista ambientale che sociale”. 

 

La campagna, promossa da FOCSIV in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, guarda oggi al primo degli obiettivi da raggiungere: Richiedere al nostro Governo di sostenere, quale membro del Consiglio dei Diritti Umani il processo del Rappresentante Speciale per le Imprese e Diritti Umani dell’ONU John Ruggie - come ricorda  Sergio Marelli - perché la partita in gioco è una partita che nel sud del mondo vale la vita di milioni di persone”.

 

La raccolta firme, che fin dal suo lancio poteva contare su un nutrito cartello di aderenti tra cui le più importanti organizzazioni cattoliche nazionali e le principali riviste missionarie, è oggi rafforzata dalle prime sottoscrizioni provenienti dal mondo dell’associazionismo laico, in prima fila l’ASSOCIAZIONE ONG ITALIANE di cui Marelli è Presidente, Agenzia per le ONLUS, AMICI DELLA TERRA, ASSOCIAZIONE RURALE ITALIANA,  CGIL , LEGAMBIENTE, NEW HUMANITY, TAVOLA DELLA PACE.  

 

John Ruggie ha il mandato di analizzare gli standard esistenti sulla responsabilità sociale nelle imprese e capire il ruolo che gli Stati rivestono nel garantire l’applicazione effettiva della norme a tutela dei diritti umani. Il suo lavoro verrà discusso nella sessione di giugno 2008 del Consiglio dei Diritti Umani.

L’appello alla mobilitazione, il cui obiettivo è quello di sottolineare un tema di grande attualità è stato lanciato a Milano, il 12 aprile 2008, all’interno della fiera “Fa’ la cosa giusta”. In tale occasione la campagna è stata tenuta a battesimo da Sergio Marelli, Direttore Generale Volontari nel mondo - FOCSIV insieme a Marco Mascia, Direttore del Centro Diritti Umani dell’Università di Padova, partner scientifico dell’iniziativa. Media partner dell’iniziativa è Famiglia Cristiana, che sta supportando la mobilitazione.      

 

La raccolta firme, tuttavia, proseguirà fino al prossimo 10 dicembre, data prescelta per la consegna delle firme, giorno in cui 60 anni fa le Nazioni Unite adottavano la Dichiarazione dei Diritti Umani. Si tratta di un obiettivo ambizioso e un’occasione unica per l’Italia di offrire il proprio contributo in vista di un così importante appuntamento internazionale.

 

L’appello, che può essere sottoscritto on-line sul sito www.focsiv.it, sarà presentato in maniera capillare sul territorio dalle numerose ONG associate che hanno aderito all’azione, attraverso seminari locali e punti informativi. Sono a disposizione, inoltre, in tutte le nostre sedi, i fogli di raccolta firme e il materiale informativo per tutti coloro i quali intendano “attivarsi” e fare da moltiplicatori per la diffusione dell’appello.

 

Ufficio Stampa Volontari nel mondo - FOCSIV
Tel. 066877796, 066877867- Fax 06 6872373
E-mail:
ufficiostampa@focsiv.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl