Petizione per salvare i corallari di San Martino.doc

Gennaro Capodanno "Se un uomo non è disposto a lottare perle sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui" Via Tino di Camaino, 22 - Napoli Tel. 0815787434 - 3392384648 e-mail: gennarocapodanno@tgmail.com COMUNICATOSTAMPA Petizione per salvare i "corallari" di San Martino Capodanno: " Appello alpresidente Napolitano " Gennaro Capodanno, presidente delComitato Valori collinari, già presidente dellacircoscrizione Vomero, ancora una volta, scende in campo a fianco dei corallari "superstiti" del piazzale di SanMartino al Vomero.

Allegati

06/lug/2008 16.00.00 Gennaro Capodanno Comitato Valori collinari Napoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comitato Valori  Collinari  

Presidente: Prof. Ing. Gennaro Capodanno

Se un uomo non è disposto a lottare perle sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui“

Via Tino di Camaino, 22  - Napoli

Tel.  0815787434   - 3392384648

e-mail: gennarocapodanno@tgmail.com

 

 

 

 

COMUNICATOSTAMPA

 

 

Petizione per salvare i “corallari” di San Martino

Capodanno: “ Appello alpresidente Napolitano “

 

 

         Gennaro Capodanno, presidente delComitato Valori collinari, già presidente dellacircoscrizione Vomero, ancora una volta, scende in campo a fianco dei corallari “superstiti” del piazzale di SanMartino al Vomero. “ Già alcuni anni addietro, quando gli artigiani delcorallo ebbero lo sfratto, presumibilmente per destinare le loro botteghe aduffici, scendemmo in campo per salvare questo pezzo di storia di Napoli –afferma Capodanno -. In quella occasionechiedemmo l’intervento dell’allora ministro per i beni e leattività culturali, Melandri, e lo sfratto fu scongiurato“.

         “ Adesso la situazione è ancorapiù drammatica, perché le poche botteghe rimaste hanno grandi difficoltà asottoscrivere il nuovo contratto che, stando a notiziedi cronache, sarebbe stato maggiorato del 300% dall’Ente proprietario,vale a dire dalla Regione Campania - prosegue Capodanno -. Si tratta di attività storiche che si sono tramandate di padre infiglio da oltre cento anni “.

         “ A quell’epoca– ricorda Capodanno -, il Vomero, con il piazzale di San Martino, era ilpunto di riferimento dei tanti turisti che si arrampicavano sulla collina e chevenivano accolti amabilmente dai venditori disouvenir, con numerosi negozi addetti proprio alla lavorazione ed alla venditadel corallo. Tantissimi gli ospiti illustri che sono passati da quelle parti,tra i quali la Reginad’Inghilterra, Hillary Clinton,Beatrice d’Olanda e diversi presidenti della Repubblica, come Ciampi, nonché personaggi delmondo dello spettacolo, come Totò, Sofia Loren,Massimo Troisi, Claudia Cardinale “.

         “ Poi con la crisi del turismo,acuitasi, per le ben note vicende, negli ultimi anni, anche queste attivitàsono cominciate a scomparire – continua Capodanno-. Tra i negozi chiusi quelli di Lopeze di Baldi mentre “resistono” ancora Corcione,Mandile e Coppola, districandosi tra milledifficoltà, visto che nel piazzale al posto dei turisti adesso c’è ildeserto e solo la sera il piazzale si popola di bande di ragazzini che sidivertono a sporcare e ad imbrattare le facciate degli stabili “.

         Gennaro Capodanno annuncia che a giornipartirà una petizione popolare indirizzata alle massime autorità nazionali elocali per scongiurare che gli ultimi corallari diSan Martino siano costretti a chiudere i battenti, ed intanto scrive alPresidente della Repubblica, Napolitano, chiedendogli d’intervenirepresso la Regione Campania,proprietaria dei locali, per trovare una soluzione che consentala permanenza delle ultracentenarie attività.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl