Boycott The Passion!

di un Amleto in cui l'attore Mel Gibson era, appunto, Amleto.

29/feb/2004 07.46.31 Ass.ne Culturale "Il Piccolo Popolo" Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Campagna "BOYCOTT THE PASSION"



PERCHE' NOI DEL PICCOLO POPOLO BOICOTTIAMO QUESTO FILM:

Non ci sono motivazioni artistiche o religiose che ci hanno spinto a
boicottare quest'opera, non stiamo nemmeno cavalcando l'onda delle polemiche
che accompagnano il film al suo debutto nelle sale.

Con questa azione vogliamo boicottare l'autore, MEL GIBSON, non l'opera.

Da alcune interviste è emersa una personalità particolarmente crudele e
selvaggia di questo personaggio, come riportiamo di seguito:

Tratto da: CORRIERE DELLA SERA di giovedi 26 febbraio 2004 pagina 39

La scena raccontata dal Corriere ha luogo durante una sequenza violentissima
di un Amleto in cui l'attore Mel Gibson era, appunto, Amleto. La scena
termina quando e il regista urla "stop!, portate la macchina qui." A questo
punto inizia il racconto del regista: Holm (l'attore che era morto nella
scena) ha gli occhi sbarrati come quelli di qualcuno la cui vita
improvvisamente si spegne. Mel, perfettamente calmo sta ora con me dietro la
macchina da presa ad osservare questo impressionante primo piano. Si
avvicina ad Holm, gli si inginocchia accanto e quasi gli sussurra:

"UN ANIMALE FERITO A MORTE NON RESTA CON LO SGUARDO FISSO, MA ROTEA GLI
OCCHI NEGLI ULTIMI SPASIMI, PRIMA INSIEME E POI NELLE DIREZIONI OPPOSTE...
COME UNO STRABICO, FA QUASI RIDERE."

Holm e' stato ad ascoltarlo, e poi gli dice, "e tu come lo sai?" Mel Gibson
sorride e dice

"NE HO VISTI MORIRE TANTI. GLI OCCHI SONO GLI ULTIMI A FERMARSI, SUBITO DOPO
IL CUORE, POCHI SECONDI."

Holm ripete la sua domanda: "Ma tu cosa ne sai?" E Gibson risponde,
stringendosi nelle spalle:

" QUANDO POSSO, PER RILASSARMI, VADO NEI MIEI ALLEVAMENTI E NE AMMAZZO TANTI
DI VITELLI NEI GIORNI DI MATTANZA"

Restammo impietriti, ma Mel continuo' perfettamente a suo agio:

"MA CON LE PISTOLE QUELLE BESTIE MUOIONO TROPPO IN FRETTA. SI CAPISCE MEGLIO
QUELLO CHE GLI SUCCEDE ATTRAVERSO GLI OCCHI DEI VITELLI QUANDO LI
SGOZZIAMO".

Credo sia inutile ogni altro commento...

Tratto da: BRESCIAOGGI di Venerdì 27 Febbraio 2004 pubblicita Pagina 41

....«Vedendo quelle sofferenze si penserà che la colpa è degli ebrei: così si
torna indietro di secoli»: questa l’opinione espressa da Franco Zeffirelli.
Zeffirelli, che conosce bene l’attore per averlo diretto in un Amleto
cinematografico e che per giunta conosce la materia, avendo girato nel 1977
il Gesù di Nazareth , si sofferma soprattutto su un particolare: la
fascinazione del sangue e delle sofferenze del Cristo che Mel Gibson esprime
nel film. Zeffirelli ricorda che sul set di Amleto Gibson gli disse:

«PER RILASSARMI VADO NEI MIEI ALLEVAMENTI E AMMAZZO TANTI VITELLI» E
AGGIUNSE CHE PREFERIVA USARE IL COLTELLO, ANZICHÈ LA PISTOLA, PER OSSERVARE
MEGLIO IL MOMENTO DELLA MORTE.

«È davvero un mistero questo uomo geniale, un grande, magnifico attore
sinistramente attratto dalla più sfrenata violenza, dagli occhi che segnano
il confine fra la vita e la morte» esclama Zeffirelli.

Da notare che Mel Gibson non appare come attore nel film, tranne in un'unica
scena, dove sono le sue mani che piantano il primo chiodo nella mano di
Cristo. Quasi a sugellare la personalità violenta dell'attore.

DICIAMO NO ALLA VIOLENZA SUGLI ANIMALI!
DICIAMO NO ALLA PREVARICAZIONE DELL'UOMO SUGLI ALTRI ESSERI VIVENTI!
DICIAMO NO AD OGNI FORMA DI VIOLENZA PROPRIO COME GESU' CRISTO HA INSEGNATO!


Se vuoi aderire alla campagna scrivi a: info@piccolopopolo.org segnalando la
tua adesione.

Questa è solo una campagna di opinione, facciamo sapere che ci siamo e che
disapproviamo.
Non guardiamo il suo film così come non mangiamo carne o non comperiamo
prodotti di aziende poco etiche, che praticano vivisezione, o che usano
materie prime testate su animali, che violano i diritti dell'uomo e del
pianeta.
Parliamone a scuola, in ufficio, in famiglia, in tutte le occasioni, se ci
invitano al cinema per guardare questo film, rifiutiamoci spiegando il
perchè.
Possiamo fare molto per il pianeta, e possiamo farlo anche e soprattutto
nelle piccole cose, e questa è una di quelle piccole cose...


********************************************************************
Associazione Eco-Etica
Non Profit
"Il Piccolo Popolo"
www.piccolopopolo.org
info@piccolopopolo.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl