Ztl al Vomero la montagna ha partorito il topolino.doc

Allegati

19/set/2008 16.04.05 Gennaro Capodanno Comitato Valori collinari Napoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comitato Valori  Collinari  

Presidente: Prof. Ing. Gennaro Capodanno

Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui“

Via Tino di Camaino, 22  -  Napoli

Tel..  0815787434   - 3392384648

e-mail: gennarocapodanno@gmail.com

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Ztl al Vomero: la montagna ha partorito il topolino

Capodanno: “ Area ristretta e tempi lunghi “

 

         “ Siamo alle solite – esordisce Gennaro Capodanno, ingegnere, presidente del Comitato Valori collinari nonché fondatore del Comitato per la Ztl al Vomero -. Anni di attese, proteste e petizioni per salvare un quartiere, il Vomero, che annega nello smog ed alla fine da palazzo San Giacomo è stato partorito il classico topolino “.

         “ Per come è stata disegnata – afferma Capodanno – l’area pedonalizzata nell’intorno di via Luca Giordano sembra essere stata realizzata più a tutela delle sole strade che si trovano nei pressi della centralina posta all’angolo con via Stanzione, la quale sistematicamente segnala il superamento delle polveri sottili che per risolvere una volta e per sempre gli annosi problemi di viabilità determinati da un dispositivo obsoleto e dalla mancanza di parcheggi “.

“ Se e quando si riuscirà a farlo decollare il piano complessivo, vista l’attuale carenza di fondi, la mancanza di vigili urbani e l’assenza delle telecamere, forse nel 2009,   verrano comunque escluse zone a forte traffico veicolare, come l’asse che da piazza Medaglie d’Oro, attraverso piazza degli Artisti, porta a via Luca Giordano – continua Capodanno -. Sacrificate strade anguste e strette, come via Carelli e via Preti, che potrebbero non sopportare l’incremento di veicoli determinato dal dispositivo, con la presenza anche del trasporto pesante, con conseguenti pericoli anche per quanto riguarda gli aspetti statici “.

         “ Un provvedimento che, anche per gli orari scelti – puntualizza Capodanno – va palesemente  incontro alle esigenze di carattere commerciale, visto che esclude, di massima, proprio le ore nei quali sono aperti gli esercizi commerciali che, per la gran parte, operano la mattina  dalle 10 alle 13,30 ed il pomeriggio dalle 17 alle 20, laddove invece andrebbe esteso dalle 7 di mattina fino alle 21 di sera in tutti i giorni feriali.  Non solo ma si adegua alle richieste delle autorimesse private, presenti nell’area individuata, e che avevano lanciato segnali di fuoco nei mesi scorsi, anche se non si comprende come si farà a verificare che le autovetture dei non residenti siano diretti verso questi ultimi e se troveranno posto in essi, laddove invece si è ancora in attesa della realizzazione di parcheggi, promessi da lustri, come quello nell’area sottostante ai viadotti di via Cilea, che avrebbero dovuto drenare il traffico veicolare all’esterno della Ztl “.

         “ Molte ombre con poche luci nel provvedimento presentato – conclude Capodanno -. Quello che emerge chiaro ancora una volta è la mancanza di capacità di decidere tenendo presente come obiettivo primario la salvaguardia della salute dei cittadini, e perdendo tempo a mediare con interessi di carattere squisitamente economico, con risultati destinati ad un sicuro fallimento rispetto agli obiettivi che si prefigge per prassi la zona a traffico limitato “.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl