Vomero, è sempre più allarme sicurezza.doc

25/set/2008 16.24.51 Gennaro Capodanno Comitato Valori collinari Napoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comitato Valori  Collinari  

Presidente: Prof. Ing. Gennaro Capodanno

Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui“

Via Tino di Camaino, 22  -  Napoli

Tel..  0815787434   - 3392384648

e-mail: gennarocapodanno@gmail.com

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Vomero: è sempre più allarme sicurezza

Capodanno: “ Una rapina in pieno giorno nell’isola pedonale di via Scarlatti “

 

         “ Al Vomero, il quartiere collinare della Città, che vanta la più elevata densità sia per quanto riguarda il numero di abitanti sia per la presenza di esercizi commerciali, si respira un’aria pesante in questi giorni – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della circoscrizione -. Da un lato si nota la presenza durante il giorno di alcune auto con soldati e finanzieri nell’isola pedonale, la qual cosa ha allontanato gli ambulanti abusivi, dall’altro permane l’illegalità diffusa in tutto il resto del territorio, specialmente in via Luca Giordano, dove gli ambulanti la fanno da padrone, occupando ogni centimetro di marciapiede ( foto allegata ).

         “ Ma non è che in via Scarlatti siano tutte rose e fiori – continua Capodanno -. Così è calato uno strano e sospetto silenzio su di un grave episodio occorso tre giorni or sono proprio nell’isola pedonale, così fortemente presidiata. In uno dei negozi, dove opera una ben nota griffe, posto proprio al centro di via Scarlatti, intorno alle 19,00 sono entrati due malviventi, armati di pistole ed hanno compiuto una rapina razziando tutto l’incasso. Quando gli uomini delle forze dell’ordine sono arrivati, dei malviventi non vi era alcuna traccia, essendo riusciti nel frattempo a dileguarsi “.

         “ Adesso più d’uno si domanda se si sia produttivo tenere un presidio, che comporta un notevole impegno economico, di mezzi ed uomini, i quali ultimi per lo più stazionano accanto alle autovetture in dotazione, invece che girare a piedi in un quartiere di appena due chilometri quadrati, quando poi i risultati sono questi. Cresce quindi il malcontento e la rabbia tra i residenti e tra i commercianti, per operazioni che appaiono di mera facciata, mentre le telecamere per la videosorveglianza, installate nel quartiere da ben due anni, non sono mai entrate in funzione e gli episodi delinquenziali si moltiplicano “.

         “ Ultima chicca – conclude Capodanno -. I questi giorni è stato tolto anche il servizio fisso effettuato dalla polizia urbana in piazza Vanvitelli – conclude Capodanno -.  Le ragioni? Stando a quanto riferito dagli addetti ai lavori, la necessità di presidiare in forze la zona di via Cilea, intasata a tutte le ore del giorno per la chiusura di via Aniello Falcone. La coperta, come suol dirsi, è corta e così in tutto il resto del quartiere, stante la carenza, endemica oramai, di vigili urbani in servizio per strada, non si vede più neppure un casco bianco. Aspettiamo una risposta al riguardo dal nuovo comandante dei vigili urbani, visto che si è dotato di un nuovo staff per le pubbliche relazioni costituito da tutti vigili in gonnella, distaccati all’uopo presso gli uffici  “.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl