Vomero, che fine ha fatto la delibera comunale n. 23 del 1996.doc

17/ott/2008 16.44.33 Gennaro Capodanno Comitato Valori collinari Napoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comitato Valori  Collinari  

Presidente: Prof. Ing. Gennaro Capodanno

Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui“

Via Tino di Camaino, 22  -  Napoli

Tel..  0815787434   - 3392384648

e-mail: gennarocapodanno@gmail.com

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Vomero: che fine ha fatto la delibera comunale n. 23 del 1996?

Capodanno: “ Per le strade ancora molte  vetrine ed insegne fuorilegge “

 

 

         Che fine ha fatto la delibera comunale, varata nel lontano 29 gennaio 1996 che prevedeva il ripristino della legalità per le tante mostre, vetrine ed insegne fuorilegge che invadevano le facciate dei fabbricati ed i marciapiedi del capoluogo partenopeo, al Vomero in particolare? “. E quando chiede alle massime autorità cittadine il presidente del Comitato Valori collinari, Gennaro Capodanno.

         “ Ricordo che dopo anni di letargo nel settore – afferma Capodanno -, finalmente venne varata la delibera comunale n. 23, approvata poi dall’organismo di controllo il 7 maggio 1996, che prevedeva l’adeguamento alle norme vigenti in materia di mostre, vetrine, tende ed insegne pubblicitarie degli esercizi commerciali. Con successiva ordinanza sindacale del 7 agosto 1996 i commercianti venivano invitati a presentare una dichiarazione, entro il termine di sei mesi dall’approvazione dell’atto deliberativo, quindi entro il 7 novembre dello stesso anno, con la quale s’impegnavano ad adeguare i relativi manufatti entro nove mesi a partire da quest’ultima data “.

          Le “autodenunce”, come vennero impropriamente chiamate arrivarono numerose – continua Capodanno -, con grande soddisfazione ed enfasi da parte dei promotori del provvedimento. Ci fu anche l’annunciò che finalmente entro nove mesi si sarebbe messo ordine nel settore. In realtà sono passati oltre dieci anni da allora e tutto sembra caduto nel dimenticatoio, compresi i controlli. Le mostre e le vetrine continuano a deturpare, in molti casi, le facciate dei fabbricati anche di strade centralissime, come via Scarlatti. E pure quegli esercenti che nel frattempo hanno rinnovato i negozi,  non sempre hanno liberato completamente facciate e marciapiedi dalle deturpanti  mostre e vetrine “.

         Sulla questione Capodanno chiede che vengano adottati i provvedimenti del caso.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl