NUOVA PRESIDENZA IN ANMVI

24/ott/2008 16.40.00 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L’ANMVI HA ELETTO IL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO
Sandro Barbacini alla Presidenza fino al 2011
Il programma “Siamo quello che facciamo”

COMUNICATO STAMPA
Allegato: foto Presidente Sandro Barbacini

( Cremona, 24 ottobre 2004) - L’Assemblea dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI)  ha eletto, sabato 18 ottobre,  il nuovo Consiglio Direttivo per il triennio 2008-2011.

L'organo amministrativo dell'ANMVI sarà presieduto da SANDRO BARBACINI, medico veterinario ippiatra, con delega al settore degli equini. Barbacini,  libero professionista, svolge la professione nel cremonese in un laboratorio specializzato che aderisce ad una rete internazionale di ricerca e servizi specializzati in riproduzione equina. Il Consiglio Direttivo risulta composto dai seguenti medici veterinari:
Presidente
Sandro Barbacini,
libero professionista con delega al settore degli equini.
Vice Presidente Vicario
Giancarlo Belluzzi,
Responsabile dell’Ufficio Periferico del Ministero della Salute di Parma per i rapporti con l’EFSA;
Presidente Senior
Carlo Scotti,
libero professionista con delega a rappresentare l'associazione nei rapporti politico-istituzionali dell’ANMVI e Coordinatore dell’Area Sanitaria di Confprofessioni;
Vice Presidente - Segretario-Tesoriere
Bartolomeo Griglio ,
Direttore di Struttura Complessa Ispezione e Controllo degli Alimenti della  ASL di Chieri (TO)
Vice Presidenti
Marco Colombo,
libero professionista con delega al settore degli animali da reddito
Lorenzo Crosta, libero professionista con delega al settore degli animali esotici
Marco Melosi, libero professionista con delega al settore degli animali da compagnia

IL PROGRAMMA del prossimo triennio sarà caratterizzato dalla continuità delle azioni politiche. In dieci punti il progetto "Siamo quello che facciamo" che ha messo al primo posto la lotta alla crisi occupazionale che affligge la professione veterinaria italiana, priva di sbocchi di impiego nel settore pubblico e nell’ormai saturo mercato delle prestazioni veterinarie.

L’Associazione PROPONE un modello di “sanità veterinaria integrata” all’insegna delle politiche indicate nel Libro Verde del Ministro del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali, basato sulla creazione di una medicina veterinaria di base convenzionata con il SSN.

L’Associazione CHIEDE un programma di educazione continua in medicina che garantisca sgravi fiscali ai liberi professionisti assoggettati all’obbligo del conseguimento dei crediti e una riforma universitaria basata sul contenimento dei laureati, su un più efficace orientamento agli studi universitari e sulla riprogrammazione del profilo veterinario all’insegna di una formazione che tenga conto dei nuovi bisogni di una società in evoluzione, più attenta al benessere animale, alla sicurezza degli alimenti, alla biodiversità, alla bioetica, ai cambiamenti climatici, ecc.

L’Associazione CHIEDE anche meno pressione fiscale sulle prestazioni veterinarie (riduzione dell’IVA e detraibilità delle spese veterinarie) e sul cibo per gli animali da compagnia, per favorire una cultura della prevenzione veterinaria e della sanità animale.



Ufficio Stampa ANMVI
0372/40.35.47


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl