OBAMA Presidente: speranza non solo per l'Europa, ma anche per il Sud America.

06/nov/2008 09.40.58 G:.O:.M:.P:.A:. DI VENEZIA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Per il “S:.G:.M:. – S:.A:. il Sacro Principe del G:.O:.M:.P:.A:., Monsignore N:.H:. Sandro PULIN”, il risultato che è emerso dalle elezioni americane, pone tutti di fronte a un risultato storico, non solo per gli U.S.A. e si dichiara personalmente convinto che si tratterà di un cambiamento reale.

Per il N:.H:. PULIN, con l’arrivo alla Casa Bianca di un giovane Presidente afroamericano, ci sono tutte le condizioni perché il popolo americano tutto, possa ritrovare la fiducia per un futuro possibilmente migliore.
 
La lunga notte dell'America, una notte indimenticabile per tutti, è terminata quando Barack Hussein Obama, è stato chiamato alle 5.30 (ora italiana) a guidare il futuro della più grande potenza mondiale.
 
Mentre oggi molti, come loro abitudine, si affrettano a salire, all’ultimo momento, sul carro del nuovo vincitore nella speranza di ritagliarsi un loro spazio personale di potere, il “G:.O:.M:.P:.A:.”, espressione di una volontà che arriva direttamente da Washington, prende atto che i democratici americani hanno raggiunto una maggioranza forte di almeno 251 seggi alla Camera dei Rappresentanti.
 
L’ormai ex Senatore dell’Illinois superando la quota dei 360 grandi elettori, dopo aver sbaragliando l’opposizione di McCain, con una semplice frase, è riuscito a riunire tutta l’America: "Noi siamo gli Stati Uniti" ed ora, deve avere la saggezza e il coraggio di introdurre le modifiche necessarie a ripristinare l’equilibro mondiale e non solo del suo Paese.
 
Per la prima volta dal 1992, i democratici controllano la maggioranza al Congresso e l'Amministrazione ed il    4 novembre diventa per molti: "Un gran giorno", tanto che anche dal VATICANO è arrivato l’auspicio: "Dio lo illumini"…….
 
Barack OBAMA ora si trova di fronte a due guerre, una in Afghanistan ed una in Iraq, il tutto condito da una forte dose di crisi economica e questo convince il Monsignore PULIN (prossimo: “AMBASSADOR FOR PEACE” della U.P.F. di New York), a credere che l’elezione di OBAMA al Governo degli Stati Uniti, apre la strada alla speranza che ci sarà un cambiamento di atteggiamento da parte degli U.S.A., non solo verso l’Europa, ma anche verso l’America Latina, un continente che è stato totalmente dimenticato, negli 8 anni dell’intera politica espressa dall’ormai ex-presidente George W. BUSH.
 
Auguri Presidente OBAMA di un buon lavoro per l’intera Umanità,da tutto il “G:.O:.M:.P:.A:.”.
 
Uffiicio Stampa
G:.O:.M:.P:.A:. di Venezia

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl