Ztl al Vomero, mugugni e perplessità alla partenza.doc

Gennaro Capodanno "Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui" Via Tino di Camaino, 22 - Napoli Tel..

08/nov/2008 17.15.55 Gennaro Capodanno Comitato Valori collinari Napoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comitato Valori  Collinari  

Presidente: Prof. Ing. Gennaro Capodanno

Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui“

Via Tino di Camaino, 22  -  Napoli

Tel..  0815787434   - 3392384648

e-mail: gennarocapodanno@gmail.com

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Ztl al Vomero: Mugugni e perplessità alla partenza

Capodanno: “ Dispositivo da modificare a breve “

 

    “ Come ho avuto già modo di affermare la montagna ha partorito il più classico dei topolini – commenta Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, riferendosi alla partenza che dovrebbe avvenire, il condizionale è d’obbligo visti i precedenti, l’11 novembre prossimo, della zona a traffico limitato al Vomero -. Si continua a chiamare Ztl un tratto di strada lungo qualche centinaio di metri e che riguarda solo via Luca Giordano, nel tratto tra le vie Pitloo-Stanzione e via Scarlatti. Praticamente dopo i “pianini” per il traffico adesso arrivano le “zonette” a traffico limitato. Tutto in sedicesimi, laddove i problemi del traffico e dell’inquinamento sono invece enormi, specialmente nel popoloso quartiere collinare “.

    “ Notevoli sono le perplessità che solleva il dispositivo in questione – afferma Capodanno – sia per quanto riguarda la viabilità che per quanto riguarda il trasporto pubblico su gomma, con la modifica dei percorsi di alcune linee “.

    “ Per la viabilità – precisa Capodanno -, non si può non osservare che la mancanza di parcheggi non farà altro che spostare i problemi da una zona ad un’altra. Nodi fondamentali diventeranno l’incrocio di via Luca Giordano con l’asse Carelli-De Mura, dove confluiranno le auto provenienti da piazza degli Artisti e dalla stessa via Luca Giordano nel tratto che, ricordiamolo, cambia sensi di marcia e non diventa un’isola pedonale, per la qual cosa potranno transitare residenti, mezzi pubblici, taxi, veicoli con disabili a bordo, forze dell’ordine e altri mezzi appositamente autorizzati; e, ancora di più, l’incrocio tra via Scarlatti e via Mattia Preti, dove confluiranno tutte le autovetture provenienti da via Cilea e quelle provenienti da via Aniello Falcone e dirette verso l’area del polisportivo Collana, dal momento che a via Doria è stato cambiato il senso di marcia. In mancanza delle telecamere la funzionalità del dispositivo dovrà essere garantita dalla presenza costante di vigili urbani sia ai varchi dell’isola che ai nodi principali e questo per tutto il tempo della durata del provvedimento. La coperta notoriamente  è corta…con quello che ne consegue “.

    “ Perplessità anche per le modifiche ad alcune linee del trasporto pubblico -  continua capodanno -. Particolarmente penalizzata la linea C30 che diventa 130, e che collegherà il Vomero con il Centro Direzionale e non più anche con la Ferrovia. Inoltre nel nuovo percorso è previsto l’attraversamento di buona parte del Vomero, con il cappio di via Cimarosa via Bernini, piazza Vanvitelli e via Mario Fiore, la qual cosa potrebbe rendere molto più lunghe le attese alle fermate, a meno che, cosa che non viene indicata, non venga impiegato un maggior numero di vetture per questa linea. Laddove invece la linea 181 che collega il Vomero con Fuorigrotta, perde una parte importante del percorso, tra via Luca Giordano, via Tino di Camaino e piazza Medaglie d’Oro. I vecchi utenti di questa linea, in queste strade, dovranno utilizzare due mezzi pubblici, invece di uno. Penalizzati gli anziani e coloro che hanno difficoltà negli spostamenti, specialmente se residenti nel tratto che verrà parzialmente interdetto al traffico, dove non passerà alcun mezzo del trasporto pubblico “.

    “ Un dispositivo varato sulla carta. Sono certo – conclude Capodanno – che dopo le verifiche sul campo dei primi giorni, le quali potrebbero riservare molte sorprese, occorrerà rivedere l’intero dispositivo per apportare le necessarie modifiche migliorative “.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl