COMUNICATO STAMPA. Marelli ai G20: "Apprezzamento per Washington ma attenzione a non delegittimare la Conferenza di Doha"

Marelli ai G20: "Apprezzamento per Washington ma attenzione a non delegittimare la Conferenza di Doha" COMUNICATO STAMPA Marelli ai G20: "Apprezzamento per Washington ma attenzione a non delegittimare la Conferenza di Doha" Roma, 14 novembre 2008.

14/nov/2008 14.35.11 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
COMUNICATO STAMPA
 
Marelli ai G20: “Apprezzamento per Washington ma attenzione
a non delegittimare la Conferenza di Doha”

 

Roma, 14 novembre 2008. Si apre domani l’incontro di Washington, una sorta di G8 straordinario, dove si riuniranno i G20, ovvero i Capi di Stato e di Governo dei 19 Paesi più ricchi del mondo a cui si aggiunge l’Unione Europea, per trovare soluzioni alla crisi finanziaria che coinvolge ormai l’intero pianeta. 

 

“La situazione economica attuale giustifica questo incontro straordinario, significativo della consapevolezza che per risolvere i problemi globali è ormai inevitabile coinvolgere anche le economie emergenti – dice il Direttore Generale di Volontari nel mondo FOCSIV Sergio Marelli -. Tuttavia, chiediamo che il Governo italiano nella persona del Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi si impegni a sostenere la posizione che la FOCSIV condivide con tutte le altre agenzie cattoliche europee aderenti alla CIDSE, ossia che le decisioni per affrontare la crisi finanziaria in atto non siano maturate esclusivamente a Washington. In questo modo, infatti, ci sarebbe il rischio di delegittimare la prossima Conferenza internazionale di Doha sul finanziamento allo Sviluppo (Doha, Qatar, 29 novembre – 2 dicembre 2008) che invece rappresenta una tappa fondamentale del processo in corso da anni, esattamente dal 2002 anno del Consenso di Monterrey, con il quale i Capi di Stato e di Governo e i rappresentanti delle maggiori agenzie delle Nazioni Unite (Banca Mondiale, Fondo monetario internazionale, Organizzazione mondiale del Commercio) hanno avviato un percorso volto a definire procedure e caratteristiche del finanziamento per lo sviluppo allo scopo di garantire una coerenza delle politiche finanziarie, la lotta alla corruzione e l’annullamento del debito”.

 

“Ad oggi, i Paesi in via di Sviluppo sono quelli che più di tutti subiscono anche le conseguenze di questa crisi aggravata ulteriormente dalla mancanza di sufficienti regole all’interno del sistema finanziario capaci di tutelare gli interessi e le posizioni dei soggetti più vulnerabili della società mondiale – aggiunge Marelli -. E’ il caso per esempio dei Paradisi fiscali che incoraggiano la fuga di capitali e la corruzione a danno dei Paesi più poveri con costi per le loro economie pari a circa 500miliardi di dollari ogni anno”.

 

Pertanto, conclude Marelli “i Paesi più poveri devono giocare una parte attiva nello stabilire la nuova architettura finanziaria globale e il summit di Doha rappresenta il luogo dove tale partecipazione potrebbe meglio essere ascoltata e garantita”.

 

 

 

Ufficio Stampa Volontari nel mondo – FOCSIV

Tel. 066877796, 066877867- Fax 06 6872373; Cell. 338.3032216

E-mail: ufficiostampa@focsiv.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl