COMUNICATO STAMPA - FAO. Le speculazioni finanziarie causa della crisi alimentare, non la scarsa produzione

"Oggi l'analisi dell'andamento dei prezzi dei cereali - spiega Sergio Marelli, Direttore Generale di Volontari nel mondo FOCSIV - conferma quanto da noi sostenuto già in occasione del vertice FAO di giugno 2008, ovvero che la causa principale della crisi alimentare che ha portato ormai a quasi un miliardo le persone che soffrono la fame nel mondo è la speculazione finanziaria sui prodotti agricoli e non una scarsa disponibilità di cibo".

18/nov/2008 15.36.53 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
COMUNICATO STAMPA
 
FAO. Le speculazioni finanziarie causa della crisi alimentare, non la scarsa produzione
 

Roma, 18 novembre 2008. In occasione della XXXV Conferenza della FAO che si apre oggi a Roma e a cui partecipano le delegazioni di tutti i membri dell’Agenzia, la FOCSIV ribadisce la sua posizione sulla crisi alimentare.

“Oggi l’analisi dell’andamento dei prezzi dei cereali – spiega Sergio Marelli, Direttore Generale di Volontari nel mondo FOCSIV - conferma quanto da noi sostenuto già in occasione del vertice FAO di giugno 2008, ovvero che la causa principale della crisi alimentare che ha portato ormai a quasi un miliardo le persone che soffrono la fame nel mondo è la speculazione finanziaria sui prodotti agricoli e non una scarsa disponibilità di cibo”.  Anzi, aggiunge Marelli “secondo studi recenti oggi ci sarebbe la disponibilità di cibo necessaria a sfamare un pianeta di 12miliardi di abitanti, se solo le risorse venissero distribuite equamente”.

Come si deduce dai grafici pubblicati dalla FAO nel rapporto Food Outlook, la curva dell’andamento dei prezzi dei cereali nel mercato globale evidenzia chiaramente un ripido aumento e senza precedenti tra luglio 2007 e marzo 2008 e poi una discesa da marzo ad ottobre 2008, in particolare nel corso degli ultimi 3 mesi.

“La rapidità stessa con la quale i prezzi dei cereali oscillano – aggiunge Marelli - dimostra che non può essere solo il ciclo produttivo ad influenzarli, ma che gioca un ruolo determinante la speculazione finanziaria sui capitali legati ai generi alimentari”.

Ecco perché, conclude Marelli “oggi ribadiamo ulteriormente che non c’è bisogno di incentivare la produzione con nuove tecniche e metodi che, al contrario, creano profitti esclusivamente per le poche grandi multinazionali che controllano l’agro-industria a danno dei piccoli produttori, come ad esempio il sostegno alla produzione di OGM; ma piuttosto che abbiamo bisogno di una giusta regolamentazione del mercato e quindi di continuare a denunciare le speculazioni finanziarie che determinano l’oscillazione dei prezzi dei cereali”.

 

 

 

 

Ufficio Stampa Volontari nel mondo – FOCSIV

Tel. 066877796, 066877867- Fax 06 6872373; Cell. 338.3032216

E-mail: ufficiostampa@focsiv.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl