Il Monsignore N:.H:. Sandro PULIN interviene sul conflitto Israelo-Palestinese a favore della PACE.

PULIN, nello sviluppare la Sua azione a favore della PACE, in accordo con il Presidente Nazionale della "I.I.F.W.P. - ITALIA", ritiene che la Sua prima priorità operativa, sia il favorire un maggiore coinvolgimento diretto dei GIOVANI e seguendo anche il suggerimento ricevuto direttamente dal Ministro alla Gioventù: On.

11/gen/2009 11.29.35 G:.O:.M:.P:.A:. DI VENEZIA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il N:.H:. Sandro PULIN, prima della visita del DALAI LAMA a Venezia, rivendica il diritto alla FELICITA’ anche per il popoli del tormentato Medio Oriente.

 
11/01/2009 - S:. A:. il N:.H:. Sandro PULIN, nella Sua veste ufficiale di nuovo “H.E. AMBASSADOR FOR PEACE / U.P.F.” (accreditata all’O.N.U. di New York – U.S.A.), vista l’attuale situazione di conflitto tra lo Stato d’Israele ed il Governo del Popolo palestinese, in questi giorni di inizio del nuovo anno, ha impegnato direttamente la Sua persona, per difendere il sacro carattere della PACE e promuovere tutte le misure possibili, nell’ambito di un dialogo interculturale ed interreligioso, per contribuire alla possibile risoluzione dell’attuale conflitto Israelo-Palestinese.
Fortemente impegnato a promuovere il valore della sacralità della PACE anche nella non facile area del Bacino del Mediterraneo, il N:.H:. Sandro PULIN, nella Sua veste di: “S:.G:.M:. il Sacro Principe del G:.O:.M:.P:.A:.”, già negli ultimi mesi del 2008, aveva colto il rischio che alcuni soggetti della politica internazionale, con il pretesto di presunte ingiustizie patite e resi forti da “rigide” interpretazioni delle “sacre scritture” delle loro Religione, si stavano preparando a scatenare azioni sempre più violente e pronti a distribuire, a pieni mani, morte e terrore, anche nel Santo nome di Dio.
Cosciente dell’imminenza del pericolo che, con il coinvolgimento anche del mondo arabo-musulmano, minava alle basi la precaria situazione di PACE, nella fragile area sud-est del Mediterraneo, il Monsignore N:.H:. Sandro PULIN, anticipando i lavori del Congresso che, sotto il patrocinio dell’UNESCO e con il sostegno di Sua Eccellenza Maitre Abdoulaye WADE (Presidente del Senegal e Presidente in carica nell’11.ma Sessione della Islamic Summit Conference), era in programma  a Parigi (dal 15 al 17 Dicembre 2008), ha colto subito l’occasione, sia della Sua nuova nomina a: “Delegato Plenipotenziario per le Religioni – Operatore Internazionale per il Dialogo Interculturale e la Pace nel Mondo”, sia la prossima visita ufficiale del DALAI LAMA a Venezia, per stabilire uno “strategico” contatto diretto con uno dei più qualificati rappresentanti della comunità musulmana in Italia: il Presidente del CO.RE.IS, l’Imam Shaykh Abd AL WAHID PALLAVICINI (recentemente, il Sindaco di Milano Letizia MORATTI, riconoscendo i Suoi indubbi meriti per lo sviluppo del: “dialogo interreligioso”, gli ha conferito il Premio: “Ambrogino d’oro 2008). 
L’Accademico N:.H:. PULIN, nello sviluppare la Sua azione a favore della PACE, in accordo con il Presidente Nazionale della “I.I.F.W.P. – ITALIA”, ritiene che la Sua prima priorità operativa, sia il favorire un maggiore coinvolgimento diretto dei GIOVANI e seguendo anche il suggerimento ricevuto direttamente dal Ministro alla Gioventù: On. Giorgia MELONI, da tempo, è impegnato, in prima persona, a promuovere, in Italia, il valore e l’importanza di iniziative internazionali come la: “PEACE CUP 2009, arrivando al punto di chiedere ufficialmente anche l’eventuale, possibile coinvolgimento diretto, sia dell’attuale Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con Delega allo Sport,  l’On. Rocco CRIMI, sia dello stesso Presidente del Consiglio dei Ministri, l’On. Silvio BERLUSCONI che, come sportivo, è sicuramente uno dei primi sostenitori della promozione del valore della  NON VIOLENZA NELLO SPORT.
Come Sua seconda priorità operativa, l’Ambasciatore per la Pace nel Mondo N:.H:. Sandro PULIN ha indicato un maggiore coinvolgimento delle DONNE nelle discussioni e nei processi decisionali e, sentita anche la Presidente Nazionale della “W,F.W.P. – ITALIA”, ha richiamato i leaders religiosi a dei tangibili impegni a favore della PACE.
Il Monsignore N:.H:. Sandro PULIN, al fine di dare maggiore concretezza alla Sua azione internazionale, ha pubblicamente manifestato la Sua disponibilità a partecipare, come difensore della sacralità della PACE, sia al Programma Interreligioso dell’UNESCO, sia al Programma: “Imam, Rabbini e Cristiani per la Pace”, al solo fine di poter facilitare la risoluzione dell’attuale conflitto Israelo-Palestinese.
Al fine di proteggere la vita di migliaia di innocenti e per permettere alle vittime di accedere all'aiuto umanitario, “H.E. AMBASSADOR FOR PEACE” il N:.H.. Sandro PULIN, si è associato nella forte richiesta dell’immediata cessazione dei lanci di missili sul sud di Israele e la conseguente cessazione dei bombardamenti e dei combattimenti a Gaza; condizioni necessarie ed indispensabili per la possibile ripresa di un processo di PACE.
Invitando il Governo di Israele e tutti i responsabili palestinesi a riprendere immediatamente il cammino del dialogo, ha auspicato che l’EUROPA organizzi al più presto ed invii a Gaza, concreti aiuti umanitari a favore dei civili palestinesi, ormai da troppi giorni sotto una pioggia di: “PIOMBO FUSO”.
 
Ufficio Stampa del
G:.O:.M:.P:.A:. di Venezia
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl