PROFESSIONIST UNA RIFORMA PER LO SVILUPPO

PROFESSIONIST UNA RIFORMA PER LO SVILUPPO COMUNICATO STAMPA LA RIFORMA DELLE PROFESSIONI AD OTTOBRE?

03/mar/2009 11.49.58 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA

LA RIFORMA DELLE PROFESSIONI AD OTTOBRE? CHE SIA UNA RIFORMA PER LO SVILUPPO
Gaetano Stella (Confprofessioni): "ripartire dal lavoro svolto nelle ultime legislature,
senza ideologie e con un occhio al welfare, sarà vera riforma se favorirà la crescita e lo sviluppo"

(Roma, 3 marzo 2009)  E’ stato l’eurodeputato Stefano Zappalà, l’”autore” della direttiva europea per il riconoscimento delle qualifiche professionali, a fare l’importante annuncio: nel mese di ottobre  il Governo italiano varerà la riforma delle professioni.

Siamo pronti e disponibili a lavorare con questo Governo  dichiara Gaetano Stella, presidente di Confprofessioni - ad una riforma delle professioni libera da ideologie e pregiudiziali nei confronti delle professioni intellettuali e illuminata dai suggerimenti che ci stanno arrivando da questa profonda crisi economica. E’ importante che questo annuncio sia stato fatto a nome della Presidenza del Consiglio, perché cominciavamo a temere che nell’agenda del Governo le professioni non ci fossero più”.

Ma se sarà vera riforma lo si capirà dai soggetti che il Governo intende coinvolgere e dai contenuti: “ Non solo Ordini, Casse e associazioni non regolamentate- precisa Stella- ma anche le parti sociali riconosciute dal ministero del lavoro, come Confprofessioni, perché non si tratta solo di riformare l’assetto degli ordini, ma di fare una riforma per lo sviluppo e il sostegno all’economia della conoscenza”.

Getano Stella, che guida la Confederazione delle libere professioni regolamentate, firmataria di un CCNL del personale degli studi professionali, parla pensando ad un comparto che occupa quasi quattro milioni di lavoratori, tra professionisti della conoscenza, dipendenti degli studi, collaboratori e apprendisti: “Abbiamo appena firmato la riforma del modello contrattuale- continua Stella- perché  siamo promotori di un nuovo welfare. La prossima riforma dovrà aprirsi allo scenario economico-finanziario e toccare i nodi cruciali del settore: disciplinare le società tra professionisti, dare alle professioni un inquadramento giuridico proprio senza sovrapporle alle imprese. Il professionista deve essere riconosciuto come soggetto economico in diritto di ricevere agevolazioni ed incentivi”.


Ufficio Stampa
Confprofessioni
0372/40.35.47
339/6445591
www.confprofessioni.eu

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl