GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA AI DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

17/mar/2009 17.26.34 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

 SI APPLICANO ANCHE AI DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

La richiesta di precisazione è stata avanzata da Confprofessioni

(Roma, 17 Marzo 2009) - I tecnici del Ministero del Lavoro hanno chiarito venerdì scorso, su espressa richiesta di Confprofessioni, che, fra “tutte le  tipologie di lavoro subordinato” a cui la Legge 2/2009 riconosce gli ammortizzatori sociali, sono da ricomprendere anche i dipendenti degli studi professionali.

Dal Welfare è così arrivata l’ultima parola sull’interpretazione del comma 8 dell’articolo 19 (Potenziamento ed estensione degli strumenti di tutela del reddito in caso di sospensione dal lavoro o di disoccupazione, nonché disciplina per la concessione degli ammortizzatori in deroga) della Legge 28 gennaio 2009, n. 2 che contiene le misure urgenti varate dal Governo per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa. E ora, senza più dubbio alcuno, anche ai dipendenti dei professionisti.
“L’incontro di oggi (venerdì 13 marzo ndr) ci ha dato un chiarimento importantissimo, che ci aspettavamo, ma che era importante esplicitare - dichiara il Presidente di Confprofessioni Gaetano Stella- adesso possiamo affermare con la massima certezza che per la prima volta in Italia le tutele del lavoro si estendono all’occupazione del comparto professionale. La portata del comma 8 dell’articolo 19 della legge – afferma Stella - è epocale per i professionisti.
 
 Il comma 8 dell’articolo 19 prevede che le risorse finanziarie destinate agli ammortizzatori sociali in deroga “possono essere utilizzate con riferimento a tutte le tipologie di lavoro subordinato, compresi i contratti di apprendistato e di somministrazione”.

Per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale- prosegue Stella- a Confprofessioni risultava evidente che non si potessero trascurare i lavoratori subordinati e gli apprendisti degli studi professionali. Che i  professionisti rientrassero a pieno titolo tra le forze datoriali meritevoli di sostegno all’occupazione non era sembrato pacifico a quanti davano una lettura della Legge 2/2009 anacronistica della forza lavoro del nostro Paese. Le  forze datoriali oggi non sono più solamente le imprese. Occorre aggiornare il dizionario del lavoro e inserire il termine “professionisti”.

Quanto agli apprendisti, la Legge stabilisce in via sperimentale per il triennio 2009-2011 un intervento integrativo del venti per cento dell'indennita' di disoccupazione a carico degli enti bilaterali.  E’ infine misure di sostegno sono previste anche per i  collaboratori coordinati e continuativi del comparto professionale. In caso di sospensione del lavoro o di disoccupazione, viene loro riconosciuta, sempre in via sperimentale per il triennio 2009-2011, una somma liquidata in un'unica soluzione pari al 10 per cento del reddito percepito l'anno precedente. Le condizioni sono che i co-co-co operino in  regime di monocommittenza, abbiano conseguito l'anno precedente un reddito superiore a 5.000 euro e siano accreditati presso la gestione separata INPS da non meno di tre mesi.

Per il Presidente Stella “ci sono le premesse per far partecipare Confprofessioni a pieno titolo a quella  riforma degli ammortizzatori sociali che la Legge 2/2009 menziona esplicitamente”.

UFFICIO STAMPA CONFPROFESSIONI
Tel.0372/403547
cell. 339/6445591
www.confprofessioni.eu
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl