notizie dal mondo 1-15 marzo 2009

22/mar/2009 00.54.05 indipendenza Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

www.rivistaindipendenza.org

http://indipendenza.lightbb.com/forum.htm

info@rivistaindipendenza.org

in "Ultime notizie dal mondo" (sul sito)

1-15 marzo 2009

 

a) La Francia rientra a pieno titolo nell'Alleanza Atlantica, ovvero nel suo comando militare integrato. Si chiude così un'era lunga 43 anni, iniziata il 7 marzo 1966, quando il generale Charles de Gaulle decideva di far uscire la Francia dal comando NATO (cfr. 11 e 12).

b) Afghanistan. Obama pronto a trattare con i "talebani moderati" che però non si sa chi siano e, se ci sono, rappresentano poco, molto poco (8). Intanto Il generale David McKiernan, capo delle truppe USA e NATO (missione ISAF) in Afghanistan, ammette alla Bbc che in molte zone dell’Afghanistan, in particolare nel Sud, «non stiamo vincendo» (10). Per finire, una chicchetta di cronaca giudiziaria al 13.

c) USA / Unione Europea. L'integrazione militare e di politica estera dell'Unione Europea nella NATO continua a ritmo sostenuto. A ricordare la valenza coloniale del progetto europeista sostenuto e finanziato da Washington già dalla fine degli anni Quaranta (12). Intanto l’Europa orientale rischia il crollo economico, con effetto domino sulle banche "occidentali". Tutto questo a causa dell’adozione del modello economico neoliberista statunitense (1). In relazione a tutto questo val la pena dare un occhio alle riflessione di uno studioso, Nouriel Roubini, secondo il quale il sistema finanziario statunitense è di fatto insolvente (14). Da leggere a USA (9) il crack dell'Aig e le crescenti preoccupazioni per la crisi finanziaria (10).

 

Sparse ma significative:

· Irlanda del Nord. Torna parte delle truppe d'élite britanniche (7). Uno sguardo al panorama delle organizzazioni repubblicane (10 e 11). Eire. Crisi sociale ed economica. Il Sinn Féin, in crescita di consensi, lancia la sfida al duopolio tradizionale del Fianna Fail e Fine Gael.

· Sudan. Le finalità politiche dei «due pesi e due misure» del Tribunale Penale Internazionale (TPI) sull'ordine di arresto contro il presidente del Sudan, Omar al-Bashir, per crimini di guerra e lesa umanità nel Darfur. Insorgono Unione Africana, Cina e Russia che chiedono che non si arresti Al-Bashir. La partita a scacchi geopolitica si gioca anche in Africa (5).

· Libano. Unifil: non è Hezbollah a lanciare razzi in Israele (4). Crescono intanto prestigio, consenso e forza di Hezbollah in vista delle elezioni previste per il 7 giugno. La Gran Bretagna ora apre ad Hezbollah (7). Già si prepara al mutamento di scenario politico nel Paese dei Cedri, a meno di sorprese dell'ultima ora o di pesanti interferenze esterne.

· Pakistan. L'esito della guerra in Afghanistan lo si gioca anche in Pakistan, altra area di significativa rilevanza geopolitica e geostrategica, in preda a forti turbolenze politiche interne (14, 15).

· USA / Cina. Le preoccupazioni cinesi sul debito pubblico statunitense (13). Altro al 10.

· Russia: verso una NATO moscovita? (1). Putin analizza la crisi finanziaria in atto (13). Infine una chicchetta con il Venezuela bolivariano in tema di logistica militare (14).

· Israele / Iraq. Il progetto espansionistico della "Grande Israele" guarda con insistenza all'Iraq (6). Intanto gruppi di pressione filoisraeliani degli Stati Uniti fanno fuori dalla corsa alla presidenza del Consiglio dell'intelligence nazionale (uno dei massimi livelli nei servizi segreti statunitensi), Charles Freeman, da molto tempo critico della politica d'Israele in Medio Oriente (Israele / USA al 12). Pressoché certo l'incarico di ministro degli Esteri, nel nuovo esecutivo di Benyamin Netanyahu, al razzista Avigdor Lieberman (cfr. Israele al 15). Intanto in Palestina continua il programma israeliano di demolizione di case palestinesi a Gerusalemme est nel quadro di un programma che per molti è di "pulizia 'etnica'" (4). Cresce la popolarità di Hamas dopo l'offensiva israeliana "Piombo fuso" (10). Infine, sempre per il campo palestinese, un paio di notiziole al 13 e al 15.

 

Tra l’altro:

Belgio (11 marzo).

Italia (10, 14 marzo).

Somalia (13 marzo).

Iraq (13 marzo).

Iran (2, 10, 11 marzo).

Kirghizistan (4 marzo).

Sri Lanka (9 marzo).

Venezuela (6 marzo).

Salvador (13 marzo).

Colombia (1 marzo).

Bolivia (9 marzo).

 

Saluti

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl