finanziamento comunale scuole private

Riteniamo inaccettabile ogni contributo a scuole come "Kinder house" che fa pagare rette di oltre 530 euro al mese + 600 € di iscrizione + 600 € di riscaldamento, non accoglie né un caso di handicap né alcun caso sociale e si rivolge a un'utenza ricca (vacanze invernali, piscina, corsi di lingua..) o Cerreta che fa pagare 240 € di retta, + 230 di iscrizione e anch'essa non accoglie né handicap né casi sociali, come risulta dalla relazione del Quartiere S. Stefano.

23/mar/2009 18.41.23 Comitato bolognese Scuola e Costituzione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comitato bolognese Scuola e Costituzione
www.scuolaecostituzione.it

Basta con i finanziamenti pubblici a scuole materne private come Kinder house e Cerreta, che discriminano in base al sesso e alle condizioni personali e sociali ! Confermiamo il ricorso al TAR presentato contro la delibera n. 183/07 di cui attendiamo il giudizio a breve. Tutte le risorse pubbliche devono essere destinate alla scuola pubblica soprattutto oggi di fronte della crisi finanziaria che la investe in seguito ai tagli selvaggi stabiliti dall’attuale governo.

SISTEMA DELLE CONVENZIONI CON LE SCUOLE D'INFANZIA PARITARIE A GESTIONE PRIVATA - PARZIALE
MODIFICA DI ALCUNI INDICATORI E DELLE MODALITA' DI APPLICAZIONE DEGLI INCENTIVI DI CUI ALLA DELIBERA O.D.G.
N.183/2007.

Il Comitato bolognese Scuola e Costituzione si oppone alla delibera del Consiglio comunale n. 48 approvata in data odierna, che conferma “un contributo forfetario annuale base per sezione convenzionata sulla base del costo medio di funzionamento delle scuole comunali.
Ciò comporta che:
1)      viene riconosciuto un contributo alle spese di funzionamento delle scuole private palesemente in contrasto con l’art. 33 coma 2 della Costituzione;
2)      si conferma che basta essere iscritti alla FISM e avere avuto riconosciuta la parità per avere comunque un contributo, indipendentemente da quale funzione le scuole abbiano.

Il Comune conferma il finanziamento per oltre 1 milione di euro a favore di scuole con finalità commerciali o di tendenza, che si aggiungono a quelli già previsti al livello statale e regionale.
Riteniamo inaccettabile ogni contributo a scuole come “Kinder house” che fa pagare rette di oltre 530 euro al mese + 600 € di iscrizione + 600 € di riscaldamento, non accoglie né un caso di handicap né alcun caso sociale e si rivolge a un’utenza ricca (vacanze invernali, piscina, corsi di lingua..) o Cerreta che fa pagare 240 € di retta, + 230 di iscrizione e anch’essa non accoglie né handicap né casi sociali, come risulta dalla relazione del Quartiere S. Stefano. Per di più il progetto pedagogico di Cerreta consiste nel fare classi omogenee, ovvero solo femminili, almeno per quanto riguarda la scuola elementare e media.

Il Comitato bolognese Scuola e Costituzione, la Chiesa evangelica metodista, la Chiesa cristiana avventista,  hanno presentato in data 5/11/07 ricorso al TAR Emilia Romagna per chiedere l’annullamento tramite sospensiva della delibera del Consiglio comunale n.183/2007 del 16/10/2007, di cui l’attuale è semplice modifica.

Riteniamo inaccettabile un sistema nel quale oltre ai finanziamenti statali previsti dalla Legge 62/200 e quelli finalizzati a progetti di miglioramento previsti dalla Legge regionale del 2001, il Comune eroga finanziamenti a pioggia, le cui differenziazioni sono minime.
Riteniamo assurdo che il Comune non stipuli convenzioni finalizzate scuola per scuola come dovrebbe essere in un rapporto con privati, ma con la FISM che è solo un’associazione di categoria, ma assume il ruolo di associazione monopolista alla quale si iscrivono scuole con caratteristiche molto diverse, accomunate solo dalla volontà di ricevere contributi mantenendo inalterate le proprie caratteristiche.
Riteniamo inaccettabile che lo Stato riconosca il ruolo di paritarie a scuole che discriminano in base al sesso (scuola Cerreta) o alle condizioni personali e sociali (scuola Kinder house) (art. 3 della Costituzione).
Di questo ci impegniamo a chiedere conto all’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna.

Nota finanziaria:

Il finanziamento pubblico da parte di Stato, Regione e Comune a favore delle 28 scuole materne private e delle 71 classi presenti nel territorio comunale raggiunge ormai la cifra considerevole di 2 milioni e 200 mila euro all’anno.

La Kinder house ha incassato nel 2007/08 per due sezioni (classi) dal Comune 26.500 € di contributo base + 3008 € di incentivi. Poiché incassa anche altri 30.676 € dallo Stato e circa 4.000 € dalla Regione il totale fa 64.176 euro all’anno di contributi pubblici. Dichiara un bilancio in attivo di 96 €

La Cerreta ha incassato nel 2007/08 per 4 sezioni dal Comune 50.500 € di base + 2.256 di incentivi. Incassa poi dallo Stato 53.532 e 8.000 dalla Regione. Totale 114.288 all’anno. Dichiara un bilancio in attivo di 17.241 €.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl