SCIENTOLOGY DENUNCIA UN LINCIAGGIO MEDIATICO

SCIENTOLOGY DENUNCIA UN LINCIAGGIO MEDIATICO Per il caso che iniziato il 25 maggio in Francia, l'ufficio del Procuratore aveva richiesto l'archiviazione il 4 settembre 2006 per tutti le accuse infondate e per tutti gli imputati.

27/mag/2009 08.45.30 Alessandro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Per il caso che iniziato il 25 maggio  in Francia, l’ufficio del Procuratore aveva richiesto l’archiviazione il 4 settembre 2006 per tutti le accuse infondate e per tutti gli imputati.

 

In qualunque altro caso si sarebbe generato un dibattito volto a determinare le cause di simili pretestuose accuse senza precedenti, pronunciate contro una Chiesa che è stata riconosciuta in tutto mondo.

 

Ma visto che si tratta di una Chiesa di Scientology vengono esercitate pressioni affinchè si pubblichino capi d’imputazione a tutti i costi. Il Presidente del MIVILUDES, George Fenech,  considera che il numero di cause pendenti sia indice della pericolosità di un gruppo (come egli stesso ha detto durante il notiziario delle 20 su TV channel France 2, il 12 maggio 2009).

 

Secondo Danièle Gounord, portavoce della Chiesa in Francia: “Le sortite mediatiche a cui assistiamo (un libro scritto da un ex-scientologo appena pubblicato, articoli di giornale, show televisivi…) non sono casuali. Si tratta di una campagna appositamente orchestrata, perché il Miviludes [Commissione inter-ministeriale per il controllo e la lotta agli abusi settari] e l’Unadfi [gruppo antireligioso francese] stanno facendo pressioni sul tribunale.

 

La loro unica possibilità consiste nell’organizzare un linciaggio mediatico con la speranza di influenzare i giudici.”

 

E così, guarda caso, il sig. Fenech, presidente del Miviludes, sta per pubblicare il rappporto annuale del Miviludes a pochi giorni dall’inizio del processo!

 

Per la stessa casualità un ex-scientologist, risaputamente vicino all’Unadfi e al Miviludes, ha pubblicato il suo libro anti-Scientology giusto prima dell’inizio dell’udienza.

 

Non si può far a meno di notare che un simile linciaggio mediatico si verifica sistematicamente prima di ogni processo che riguarda Scientology.

 

Tali metodi palesano la paura delle parti civili di perdere in tribunale; quindi ricorrono all’arma dei media.

 

Gli scientologist francesi, per contro, rivendicano il diritto ad un giusto processo e vogliono essere giudicati serenamente.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl