NO ad ambulatori veterinari pubblici in Sicilia: non sono una risposta adeguata al problema del randagismo e rappresentano un macigno per la spesa sanitaria regionale.

26/giu/2009 18.26.40 S.I.Ve.L.P. Sindacato Vet. Liberi Professionisti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
NO ad ambulatori veterinari pubblici in Sicilia: non sono una risposta adeguata al problema del randagismo e rappresentano un macigno per la spesa sanitaria regionale.
Il Sindacato dei Veterinari Liberi Professionisti (SIVELP) scrive all' assessore Regionale alla Sanità chiedendo di non creare strutture nuove e permanenti, ma di sfruttare, dato che l'emergenza ha per sua natura una durata limitata nel tempo, gli ambulatori esistenti.

Egregio Assessore Russo,
 
è con viva preoccupazione che leggiamo in una Sua direttiva di una possibile creazione di ambulatori veterinari comunali o in rifugi sanitari, per far fronte al problema del randagismo.
La nostra proposta è di far ricorso alle strutture libero professionali esistenti sul territorio, sotto il controllo delle Aziende Sanitarie.
In primo luogo per l'urgenza di dare una risposta: gli ambulatori sono già pronti e quindi non si procrastinano i tempi di intervento.
Poi, per il carattere di temporaneità che dovrebbe avere il fenomeno del randagismo, cosa che non giustifica la creazione di costose strutture permanenti sul territorio, ma suggerisce -anzi, impone-un ricorso a quelle esistenti.
Infine perchè la Veterinaria cerca da tempo di dividere la figura del controllore dal controllato, e nell'ipotesi prospettata,invece, i veterinari pubblici si troverebbero, controllori di se stessi, a dover esercitare azione di vigilanza sulle strutture ambulatoriali private veterinarie, in eclatante concorrenza.
Uno dei giusti obiettivi del Presidente Lombardo è, citiamo testualmente dal sito ufficiale della Regione, "proprio il risanamento dei conti, il taglio degli sprechi e la riqualificazione della spesa con un utilizzo più produttivo delle risorse a disposizione, specialmente nel settore della Sanità e del personale, ad ispirare il Governo Lombardo la cui azione è improntata seguendo i criteri di efficacia dell’azione amministrativa, di semplificazione burocratica e di trasparenza, di legalità e di lotta alla criminalità."
Sappiamo tutti che il costo del personale sanitario pubblico è inconfutabilmente  sproporzionato (per interventi puntuali, come questo), rispetto al ricorso al privato e quindi in assoluto contrasto con il precedente enunciato, e che questo personale dovrebbe essere preparato ad attività clinica e chirurgica (non sanità pubblica) e rimarrebbe per sempre in carico alla Sanità Regionale.
Alla luce delle presenti osservazioni, confidiamo in una razionalizzazione dell'intervento.
Distinti saluti.
 
26/06/2009. 
 F.to dr. Angelo Troi - Segretario Sivelp
 
SINDACATO ITALIANO VETERINARI LIBERI PROFESSIONISTI.
www.sivelp.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl