prostituzione: nuova unità di strada contro lo sfruttamento della prostituzione

La famiglia si

Allegati

20/ott/2004 12.05.52 amici di lazzaro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'associazione di volontariato Amici di Lazzaro
 
cerca nuovi volontari di età compresa tra i 18 e i 30 anni,
adesioni entro il 28 ottobre 2004

per attivare dall' 8 novembre 2004 una nuova
*****UNITA' di STRADA contro lo sfruttamento della prostituzione******
Il servizio svolto da un gruppo di 8 volontari e volontarie
consiste nell'avvicinare le ragazze costrette a prostituirsi,
fornendo loro informazioni sulle opportunità di fuga dalla strada e
sui servizi forniti dall'associazione Amici di Lazzaro
e dagli enti locali , in particolare sul percorso con denuncia degli sfruttatori che permette alle donne straniere di ottenere il permesso di soggiorno per protezione sociale e di inserirsi in un programma di reinserimento nella società.
 
L'associazione distribuisce alle donne avvicinate del materiale informativo in varie lingue in formato cartaceo e audio. Viene messa particolare attenzione alla dignità delle donne, creando relazioni di amicizia e vicinanza, da cui nascono poi le richieste di aiuto e di sostegno.Capita anche spesso che le ragazze intonino coi volontari canti tipici della loro terra, spesso sono preghiere cristiane tradotte nei loro dialetti (Bini, Igbo, Orobo, Yoruba)
Il servizio viene svolto di sera sulle strade torinesi con un pulmino e una automobile dell'associazione,
sarà "specializzato" sulle ragazze nigeriane e per questa caratteristica non comporta alcun rischio in quanto
le ragazze non sono controllate a vosta dagli sfruttatori perchè le ragazze temono soprattutto ritorsioni sulle loro famiglie
e tramite i riti voodu cui sono sottoposte.
E' quindi molto agevole per l'Associazione avvicinarle e informarle delle opportunità di fuga dalla strada, senza alcun rischio.
 
Informazioni : info@amicidilazzaro.it       cell. 3404817498
www.amicidilazzaro.it
 
per sostenere i progetti dell'associazione
"Amici di Lazzaro"
C/C postale 27608157
oppure
Conto Banco Posta
27608157
ABI  07601 - CAB  01000

ALCUNI DATI
Si calcola che in Italia le donne soggette alla tratta siano tra le 40.000 e le 60.000,
di queste il 70 % si prostituisce in strada.
Le modalità di sfruttamento sono differenti tra le bianche dell'est europeo (prevalentemente Romania, Moldovia, Ucraina e Albania) , africane (soprattutto dalla Nigeria e dal Ghana) e sudamericane (Ecuador, Perù e Colombia) , magrebine (Marocco e Tunisia) e asiatiche (Cina, Vietnam, Tailandia).

Caratteristico delle Nigeriane e Ghanesi è l'uso delle mninacce sulle famiglie di orgine per cui le ragazze non temono tanto per se stesse quanto per le proprie famiglie, anche per questo non sono controllate a vista dagli sfruttatori (le madame, spesso donne nigeriane uscite anche loro dallo sfruttamento subito). Le ragazze accettano di prostituirsi pur di salvaguardare i propri parenti.
Non sono rari invece i rapimenti tra le ragazze Rumene sottratte o vendute dalle proprie famiglie e poi costrette a prostituirsi.
Comune a tutte le nazioni di provenienza è la violenza subita dagli sfruttatori, a cui si aggiungono le violenze subite dai clienti e da bande o singoli che le derubano o le malmenano in strada o negli appartamenti in cui si prostituiscono.
 
LE RAGAZZE IN STRADA
L'unità di strada che nascerà dal 4 ottobre si aggiunge alle altre 4 già attive su tutto il territorio piemontese.
Nei primi 6 mesi dell'anno le ragazze avvicinate in strada sono state 436 , di cui
il 45% di età 21-23 anni,
il 23% di età 18  20 anni,
17% di età 24-26 anni ,
8% di età oltre 27,
7% di età 16-18 anni.
 
Le ragazze seguite dall'Associazione Amici di Lazzaro inserite nei primi 6 mesi del 2004 in percorsi di uscita dalla prostituzione sono 19 di cui 12 con denuncia (art.18 della legge sulla prostituzione) e 7 con altre vie (permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato, matrimonio, asilo politico, motivi di salute, gravidanza).
 
UNA TESTIMONIANZA CONCRETA

La chiameremo Lucy per delicatezza.
22 anni, mamma del Ghana e padre nigeriano di Benin City.
Dopo le scuole superiori, le "secondary", ha fatto un po' lavoretti : parrucchiera, cameriera, sarta.
Ma non aveva i soldi per continuare gli studi. ai suoi genitori venne proposto di mandarla in Europa a lavorare. La famiglia si riunì e decisero che si poteva fare.
Andarono di fronte allo stregone del villaggio "l' Asè", che avrebbe siglato un patto ("agreement"),
da non rompere mai, pena ritorsioni degli spiriti invocati:
la ragazza avrebbe pagato tutte le spese fatte da chi l'avrebbe aiutata ad arrivare in Europa.
Arrivata a Parigi gli sfruttatori ritirano il passaporto rigorosamente falso. Le viene imposta la strada e la prostituzione.
"Il debito era altissimo, mi avevano mentito, mi chiedevano 52.000 euro, quanto tempo avrei dovuto stare in strada?",
"pensavo alle promesse fattemi a Benin City, lavoro? quale lavoro!! qui c'è solo la strada , e gente che mi urla contro, che mi usa, che mi compra per fare sesso con me!".
Molte sono le violenze, le percosse, le minacce subite dalla Madame e da suo marito.
Incontriamo Lucy una, due, cinque sere.
La sproniamo, è magra, stanca, provata dalla situazione, a volte sembra rassegnata.
Ma finalmente si decide a scappare e a venire con noi Amici di Lazzaro.
"Avevo capito che ero libera dall'agreement con la Madame: non mi aveva detto la verità, tante bugie, tante violenze,
sono scappata e sono andata da loro".
"Appena arrivati al sicuro telefonammo a casa mia in Nigeria spiegando che la Madame era stata molto violenta con me e che non dovevamo più pagare nulla", "anzi se la Madame veniva a casa nostra dovevano chiamare la polizia nigeriana e la polizia italiana avrebbe dato altre informazioni su cosa faceva la Madame alle ragazze nigeriane".
 
Poi Lucy ha voluto andare da un prete cattolico per farsi benedire e liberare da ogni Voodu-Juju e ora sta bene.
Sta lavorando, ha imparato l'italiano e il prossimo anno si sposerà.
22 anni, ma che vita e che forza interiore!!!
 
****CHI SIAMO : L'associazione di volontariato Amici di Lazzaro è composta prevalentemente da giovani (circa un centinaio) ed opera da alcuni anni sul territorio piemontese e in altre città italiane, occupandosi di senzacasa, immigrati spaesati e ragazze costrette alla prostituzione, con progetti di reinserimento e accoglienza ed incontro con le realtà del disagio e delle povertà.
Collabora con vari enti ed istituzioni e ha numerose iniziative in corso e gruppi nascenti in varie zone d'Italia.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl