Snarp (Sindacato nazionale antiusura)

Questi soggetti si ritrovano aggrediti da ingiunzioni ed esecuzioni per crediti divenuti indeterminati dopo la sentenza della cassazione, poiché tutti da rideterminarsi depurando la capitalizzazione dell'anatocismo, operazione che già da sola permetterebbe l'estinzione di un buon 30% delle procedure esecutive mobiliari ed immobiliari, mentre per le rimanenti esecuzioni si impone la loro sospensione sino a quando gli istituti creditori non avranno precisato le proprie ragioni di credito, depurandone l'anatocismo.

15/nov/2004 12.47.02 Charlie Lamberti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
S.N.A.R.P. (SINDACATO NAZIONALE ANTIUSURA): LETTERA APERTA AI GIUDICI DELLE ESECUZIONI E ALL´A.B.I. SU CAUSE ED EFFETTI DELLA SENTENZA CONTRO L´ANATOCISMO.

Per il Prof. Francesco Petrino, docente di diritto bancario e presidente onorario dello SNARP Sindacato Nazionale Antiusura Tutela Consumatori e Diritti Umani, la sentenza n. 21059 emessa della Corte di Cassazione il 4 novembre che sancisce definitivamente la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi sui conti correnti sino al 22 aprile 2000, apre inquietanti scenari giudiziari che impongono una seria riflessione della magistratura, prima che del sistema bancario, ovvero dell´ABI che rappresenta la categoria.

Mentre gli oltre 10 milioni di correntisti o ex che hanno intrattenuto rapporti senza problemi, possono oggi richiedere la restituzione dell´indebito maltolto è molto differente invece la posizione degli oltre 4 milioni di soggetti con rapporti contenziosi derivanti da decreti ingiuntivi tradottisi in esecuzioni mobiliari e immobiliari.

Questi soggetti si ritrovano aggrediti da ingiunzioni ed esecuzioni per crediti divenuti indeterminati dopo la sentenza della cassazione, poiché tutti da rideterminarsi depurando la capitalizzazione dell´anatocismo, operazione che già da sola permetterebbe l´estinzione di un buon 30% delle procedure esecutive mobiliari ed immobiliari, mentre per le rimanenti esecuzioni si impone la loro sospensione sino a quando gli istituti creditori non avranno precisato le proprie ragioni di credito, depurandone l´anatocismo.

Ma non è tutto, poiché inevitabilmente si scateneranno ricorsi per la revocazione dei decreti ingiuntivi già passati in giudicato, perché emessi in violazione della legge.

Sorge infine ancora più spinosa la legittimità delle cartolarizzazione di crediti pompati dall´anatocismo, la cui indeterminatezza annullerebbe gli effetti dei contratti di cessione dei crediti.

Così come si paventa il rischio di apertura di un contenzioso risarcitorio contro il Ministro della Giustizia, atteso che un notevole numero di Magistrati, con al primo posto quelli del Tribunale di Roma pur in presenza di un preciso orientamento della giurisprudenza di merito della Corte di Cassazione già a far data dal 1999 e dopo le numerose pronunce della Consulta Costituzionale, hanno continuato a sentenziare legittimo l´anatocismo, determinando esecuzioni dannosissime, vendite mobiliari ed immobiliari, oltre che fallimenti di imprese.

Motivazioni per le quali si impone da parte dei Magistrati la sospensione di ufficio delle esecuzioni e dei ricorsi pendenti anche per fallimento, sino alla rideterminazione dei crediti.

L´A.B.I. è invitata invece ad assumere e fare assumere una posizione chiara alle sue consociate, con espressa diffida ad evitare il ricorso al Governo Berlusconi, come è già accaduto in dicembre 1999 per la pretesa interpretazione autentica della legge antiusura imposta dal Governo Amato, col risultato della legalizzazione dell´usura bancaria, poiché i cittadini e le imprese sono stanchi di subire usura, estorsioni e imposizioni legislative depauperanti per i cittadini, ma favorevoli ad un sistema la cui voracità sta mettendo in ginocchio l´economia e la gente comune.



____________________________________________________________
Libero ADSL: navighi gratis a 1.2 Mega, senza canone e costi di attivazione.
Abbonati subito su http://www.libero.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl