Un riconoscimento alla badante morta in Sicilia

13/ott/2009 15.12.24 associazione euromediterranea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Tra le tante storie che ci sono venute dalla grande tragedia siciliana ,

forse merita una attenzione quella di Monica Balascuta, 48enne morta insieme a

Concetta Cannistraci, che accudiva come badante e che aveva cercato di trarre

in salvo. Si potrà dire, che è una piccola storia , ma che fa riflettere su

come al di là degli stereotipi e dei luoghi comuni come la vera integrazione

sia un fatto già in atto. La signora Monica Balascuta avrebbe potuto scappare e

salvarsi invece ha tentato di salvare la persona che accudiva e in questo atto

ha perso la vita. Negli ultimi mesi , forse troppe volte le pagine dei giornali

hanno dipinto con toni non positivi questo popolo e questa comunità. Purtroppo

i pochi cattivi , riescono ad offuscare i tanti onesti romeni che vivono,

lavorano, studiano in Italia. I tanti onesti non riescono ad attirare l’

attenzione dei mezzi di informazione e per questo che troppo spesso l’immagine

di questo popolo e di questa comunità, connotata da un profondo cristianesimo e

da un vero spirito di sacrificio viene offuscata dai pochi che commettono

reati. Fortunatamente, il ministro degli interni, Maroni, non ha esitato a

spezzare una lancia a favore di questa comunità “La comunità romena in Italia

e' una comunità ben integrata, e' la più numerosa, porta grandi vantaggi

all'economia e alla società italiana. Noi la riconosciamo come la comunità più

importante presente in Italia". E questa storia, ci permette di testimoniare

appieno questa bella affermazione. Trovo particolarmente significativo il

gesto che il Presidente Berlusconi (che con la sua solita e disinteressata

generosità ) ha deciso di fare nei confronti di questa donna, quello di pagarle

il suo ultimo viaggio , quello verso casa, per essere sepolta in terra romena,

accanto ai propri cari. Ma sarebbe bello, che oltre a questo si potesse far

conferire alla signora “la medaglia al valor civile” un modo per dirLe grazie,

per quello che ha tentato di fare sacrificando la sua stessa vita e un modo per

dire grazie ai tanti romeni onesti che con il loro lavoro, contribuiscono, alla

crescita di questo Paese e alla riaffermazione delle sue radici cristiane



Dott. Marco Baratto

Associazione Italo romena “Dacia”





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl