***comunicato stampa cuccefelici - mostra ornitologica 4/5 dicembre l'aquila***

mercato di questo genere, a Pizzoli si propone proprio una fiera ornitologica.

Allegati

03/dic/2004 19.21.17 Lega Nazionale per la Difesa del Cane Sez. AQ Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Gruppo di lavoro animalista

 

COMUNICATO STAMPA

OGGETTO: mostra ornitologica di Pizzoli 4/5 Dicembre

Il gruppo di lavoro animalista Cuccefelici esprime, con il presente comunicato, la propria contrarietà in merito alla  decisione di proporre, anche quest’anno, a Pizzoli (AQ), la mostra ornitologica, presso il palazzetto dello sport,  i prossimi 4 e 5 Dicembre. Lo slogan “Allevare è proteggere” è senza giustificazioni: quando finalmente anche in Italia, alcune città vietano la presenza sul territorio di circhi e mostre - mercato di questo genere, a Pizzoli si propone proprio una fiera ornitologica. Fortunatamente molte persone cominciano a rendersi conto che gli esseri viventi non sono merce da scambio. Troviamo il suddetto genere di mostre barbare e medioevali, quindi assolutamente da vietare. Chiediamo pertanto alle persone sensibili di boicottare questo tipo di manifestazioni ed al Sindaco di Pizzoli e agli organizzatori di non ripetere fiere del genere.

Sia che vengano catturati in libertà o che vengano allevati in cattività, gli uccelli non sono animali domestici; sono tutti discendenti di specie native catturate in stato di libertà e il loro istinto di volare rimane intatto. Questi uccelli sono costretti all'ergastolo senza aver commesso alcun crimine.
Vengono usati come dei suppellettili, umiliati, privati della loro dignità di esseri viventi e privati
a vita del loro bisogno primario di volare. Gli allevatori sono convinti di poter utilizzare degli
esseri viventi come degli oggetti. Quando gli si chiede quali siano le loro motivazioni spiegano
candidamente che è una loro passione, che questa attività li rilassa, che amano gli animali e che non fanno mancare nulla ai loro amati. Privare della libertà un essere vivente per loro quindi non significa nulla. La loro è ipocrisia, egoismo e sopraffazione del più forte sul più debole. Non ci vuole tanto a rendersi conto che gli uccelli sono costretti con la forza a vivere nelle gabbie, infatti vengono tenute sempre ben chiuse.

Questo significa che l'uomo si è arrogato il diritto di chiuderli in gabbia per poter godere del loro canto e della loro bellezza in ogni momento. Questo è profondamente ingiusto e crudele e soprattutto non ha niente a che vedere con l'amore e il rispetto.

Le mostre collaterali di cuccioli, farfalle e gli scambi di uccelli di diverse specie sono la palese dimostrazione della loro inesistente sensibilità nei confronti degli animali. Ciliegina sulla torta: ogni bambino sotto i 12 anni che partecipa alla mostra riceve in regalo un pesciolino rosso, altra cosa che troviamo disdicevole. L'allevamento e le esposizioni di animali sono colmi di contenuti altamente diseducativi e gli allevatori cercano in modo subdolo di accattivarsi i bambini regalando loro il pesciolino rosso per avvicinarli a questa pratica sadica e crudele.

Ringraziamo per la gentile collaborazione Monica e tutto il Coordinamento Stop-Fimov (www.stop-fimov.tk).

 

Lo Staff delle Cuccefelici

www.cuccefelici.com - info@cuccefelici.com - 347.1308587

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl