Postura corretta: la si impara da bambini

Per molte persone alzarsi la mattina significa, fisicamente, andare a sedersi: in autobus, in metropolitana, in auto, e poi in ufficio, a scuola, in casa, e ancora a camera o in soggiorno davanti a un computer, a un televisore, a un libro da studiare,... Stare seduti ore e ore al giorno, su sedie operative, poltrone ufficio o seggiole impagliate, cinque-sei giorni alla settimana, per mesi e anni nell'arco di una vita può provocare spiacevoli conseguenze fisiologiche, talvolta anche psicologiche.

10/dic/2011 12.50.44 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Per molte persone alzarsi la mattina significa, fisicamente, andare a sedersi: in autobus, in metropolitana, in auto, e poi in ufficio, a scuola, in casa, e ancora a camera o in soggiorno davanti a un computer, a un televisore, a un libro da studiare,... Stare seduti ore e ore al giorno, su sedie operative, poltrone ufficio o seggiole impagliate, cinque-sei giorni alla settimana, per mesi e anni nell'arco di una vita può provocare spiacevoli conseguenze fisiologiche, talvolta anche psicologiche. Tutto questo può avere inizio già in età scolare, durante il tempo trascorso nelle aule scolastiche e a casa mentre si studia o si gioca alla playstation.

Il punto non è escludere questa o quella attività produttiva o ludica a priori, quanto piuttosto farla nel migliore dei modi possibili: avendo a cuore la propria salute, quella dei propri figli e quella dei propri anziani. In ogni caso, senza mai rinunciare a praticare come regola di buona vita una costante attività fisica. Una sedia strutturalmente difettosa, obiettivamente scomoda o mal predisposta in altezza e dimensioni può innescare un processo artrosico che via via tenderà a manifestarsi in maniera sempre più aggressiva, specie dopo i cinquant'anni. Pertanto, quando possibile, scegliere sedie regolabili, girevoli, dotate di ruote. Il tavolo su cui si lavora, si studia o si gioca dev'essere abbastanza spazioso da ospitare tutto ciò che occorre alla propria attività. 

Nel caso della postazione di un computer, i suoi componenti (cabinet, monitor, tastiera, mouse, casse acustiche,...) devono essere sufficientemente lontani dall'utente - in genere 50-70 cm - affinché gli avambracci possano appoggiarsi adeguatamente sul ripiano. La luce dev'essere perpendicolare al monitor, possibilmente calda e idonea alla lettura. La tastiera deve distare dal bordo del tavolo quanto basta per distendere completamente i polsi senza piegarli. Tra le varie tipologie di mouse oggi disponibili, preferire quelli ergonomici.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl