Al via i saldi invernali: il 5 gennaio tocca a Firenze. Vademecum di Adiconsum anti “bufale”!

03/gen/2012 12.43.15 MRComunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Al via i saldi invernali: il 5 gennaio tocca a Firenze.

Vademecum di Adiconsum anti “bufale”!

La fatidica data dei saldi invernali è ufficialmente arrivata: ieri infatti hanno aperto le danze Basilicata e Sicilia a cui seguiranno dal 5 gennaio tutte le altre regioni.

Una befana dunque all’insegna dello shopping e della caccia all’affare, anche se proprio in questi periodi è bene fare molta attenzione agli acquisti per evitare di cadere in spiacevoli truffe.

“ Saldi?! Non si può più parlare di saldi! Già da tempo i commercianti hanno lanciato i pre-saldi  attraverso sms e mail accattivanti che proponevano sconti anche fino al 70%.  Prima delle feste per vitalizzare i consumi, i negozi hanno proposto occasioni, sconti, prezzi speciali,” dice Grazia Simone- Segretario Generale Adiconsum Toscana –“ continuare con i saldi è solo ottusità legislativa.”

“Le associazioni di categoria hanno bisogno di un aggiornamento sulle dinamiche dei consumi,” prosegue Grazia Simone, “non è con i saldi che si tutelano i cittadini/consumatori. Tale modalità di vendita ha fatto il suo tempo, infatti oggi i commercianti trovano soluzioni alternative per vendere prodotti scontati”

Ecco di seguito le cosiddette “regole d’oro” per l’acquisto, indispensabili per spendere al meglio, con serenità evitando le tanto odiose “bufale”:

 1.    Sull'oggetto in saldo deve essere sempre riportato il prezzo d'origine non scontato, la percentuale di sconto applicata e il prezzo finale;

2.       È meglio diffidare di quei negozi che espongono cartelli con sconti esagerati e fare riferimento a negozi già conosciuti per acquistare la merce in saldo: sconti superiori al 50-60 per cento nascondono spesso merce non proprio nuova;

3.       Fate attenzione all'eventuale presenza di merce venduta a prezzo pieno insieme alla merce in sconto;

4.       Confrontare i prezzi con quelli di altri negozi, magari annotando il prezzo di un capo o della merce a cui si è interessati;

5.       È bene verificare che il prodotto offerto in vetrina sia lo stesso che verrà  presentato in negozio;

6.       Nel periodo dei saldi i negozianti che normalmente accettano pagamenti con bancomat o carte di credito ed espongono il relativo logo sono tenuti ad accettare i pagamenti elettronici;

7.       Diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati e non provati, anche se è a discrezione del commerciante consentire o meno di fare provare la merce;

8.       Chi vuol fare regali faccia attenzione perché si può cambiare solo ed esclusivamente la merce difettosa che deve essere riconsegnata al commerciante entro 2 mesi dalla scoperta del difetto (non si può sostituire la merce se avete cambiato idea sul colore o sul modello);

9.       È bene conservare sempre lo scontrino per potere eventualmente cambiare la merce difettosa;

10.   Qualora il commerciante si rifiuti di cambiare un articolo difettoso in saldo o non voglia restituirvi i soldi rivolgetevi alla Polizia Municipale e segnalate il caso allo sportello Adiconsum.

 

 

   UFFICIO STAMPA

ADICONSUM TOSCANA

Mariantonietta Rasulo

Via Carlo del Prete, 135 – 50127 Firenze

Tel. 055 4379684 – tm 3395089905

ufficiostampatoscana@adiconsum.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl