LA REGIONE MARCHE FRENA SULLE RINNOVABIL APER INTERVIENE

LA REGIONE MARCHE FRENA SULLE RINNOVABIL APER INTERVIENE Informazioni per la Stampa LA REGIONE MARCHE FRENA SULLE RINNOVABILI: APER INTERVIENE L'Associazione giudica incostituzionale la Legge Finanziaria della Regione Marche perché limita la promozione e lo sviluppo delle FER.

02/feb/2010 10.21.38 APER Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Copia di Logo-APER-bassa-def..jpg

 

Informazioni per la Stampa

 

LA REGIONE MARCHE FRENA SULLE RINNOVABILI:

APER INTERVIENE

 

L’Associazione giudica incostituzionale la Legge Finanziaria della Regione Marche
perché limita la promozione e lo sviluppo delle FER.

 

Milano, 2 febbraio 2010 - APER ha appreso con vivo sconcerto dell’approvazione della Legge Finanziaria regionale delle Marche (n. 31/2009 pubblicata in BUR Marche del 24.12.2009, n. 121 supplemento n. 9) il cui articolo 57 introduce un divieto irragionevole e immotivato di realizzare impianti a biomassa di potenza superiore a 5 MW termici, indipendenti da progetti di riconversione di impianti industriali del settore bieticolo – saccarifero. L’Associazione sottolinea inoltre che, agli impianti ammessi, la suddetta norma impone un ingiusto aggravio procedimentale: la sottoposizione a screening laddove la soglia statale per l’assoggettabilità è pari a 50 MW termici.

 

“Tutto ciò – commenta Marco Pigni, direttore di APER – risulta in evidente contrasto con il quadro normativo (comunitario e nazionale) di riferimento che impone la promozione e la massima diffusione delle fonti rinnovabili nonché il rispetto delle discipline statali di settore. Date le premesse, APER non ha potuto fare a meno di richiedere al Governo di instaurare un giudizio di illegittimità costituzionale in via di azione ai sensi dell’articolo 127 della Costituzione.

Auspichiamo pertanto – conclude Pigni - che un sollecito intervento da parte delle competenti autorità nazionali rendano superfluo un ricorso alla Commissione Europea per l’apertura di un procedimento di infrazione ai sensi dell’art. 226 del Trattato CE che costituirebbe, per l’Associazione, il successivo intervento in difesa degli interessi lesi”.

 

 

Fondata nel 1987, APER è l’associazione che riunisce a rappresenta i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili, tutelandone gli interessi a livello nazionale e internazionale. Un’attività che si traduce da una parte con l’assistenza e il supporto tecnico e normativo necessario alla realizzazione e gestione degli impianti e alla commercializzazione dell’energia elettrica prodotta, e dall’altra in azioni di promozione mirate a favorire la formazione e la diffusione di una cultura della sostenibilità ambientale e delle Fonti Rinnovabili, attraverso l’organizzazione di un fitto calendario di corsi, convegni e fiere. APER conta più di 460 associati, oltre 640 impianti per un totale di più di 6.200 MW di potenza elettrica installata.

 

 

Claudia Abelli
Responsabile Comunicazione APER

Logo APER bassa def

Via G. Pergolesi, 27 - 20124 Milano

T +39 02 6692673 - 66989268  -  F +39 02 67490140

Mobile: +39 349 1815891
E-mail:
claudia.abelli@aper.it  

Web: www.aper.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl