Roma, "No Pup" a San Giovanni: assemblea contro i parcheggi

10/giu/2010 10.30.20 Associazione Forche Caudine Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ROMA - No ai Pup, i piani urbani per i parcheggi, nel quartiere San Giovanni, millenario pezzo di storia cittadina. No allo sventramento di spazi comuni a vantaggio del bene individuale fatto di cemento privato e di box, per chi se li può permettere. Ma diffidenza anche verso le timide aperture della politica, di tutti i colori, ad iniziare da quelle della presidente del IX Municipio, Susi Fantino, la quale da una parte mostra di voler ridiscutere la questione Pup, ma dall'altra non offre molte spiegazioni sul come. E' una sintesi di quanto è emerso nell'assemblea "No-Pup" che si è tenuta martedì scorso, 8 giugno, presso il centro anziani di via La Spezia, a San Giovanni, promossa da una serie di comitati e di associazioni di zona, compresa Forche Caudine. Al centro dei lavori la possibile realizzazione di un parcheggio interrato di tre piani, che secondo il progetto Pup n.B1.4-108, dovrebbe essere costruito tra via Urbino e via Cesena. Roberto Angotti, presidente del battagliero Comitato San Giovanni, ha illustrato la storia ormai ventennale dell'area demaniale, al centro di una contesa con il Comune di Roma per la realizzazione di un giardino richiesto dagli abitanti della zona. Angotti ha spiegato che in via Cesena esistono problemi che si protraggono da anni, tra cui la staticità del territorio e di diversi edifici, ma anche la presenza di falde acquifere nel sottosuolo. "Nel IX Municipio - ha sottolineato Angotti - sono previsti 28 Pup, di cui 10 nella zona di San Giovanni. I cittadini sono abituati a vivere in mezzo a cantieri perenni, e anche per questo si stanno opponendo alla costruzione dell'ennesimo parcheggio". A seguire l'intervento della coordinatrice "comitati no Pup", Annamaria Bianchi, che ha illustrato nel dettaglio i danni subiti dai palazzi in via Andrea Doria a seguito dei cantieri, dove un edificio è stato sgomberato perché era stato lesionato a causa di alcuni scavi. Inoltre i parcheggi, secondo la Bianchi, non risolvono il problema dei posto-auto: ciò sull'esperienza dei lavori a via Oslavia, via Montenegro e piazza Iedo. Per il consiglio del IX Municipio sono intervenuti Antonio Ciancio del Pd e Roberto Fedeli del Pdl, entrambi contrari al cantiere. Presente in sala anche l'onorevole Tredicine, che ha fatto affiggere manifesti nel quartiere per protestare contro la minaccia dei cantieri per i Pup.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl